Numero6.org
Wikileaks e Julian Assange: Libera informazione o complotto? 48
Approfondimenti

Wikileaks e Julian Assange: Libera informazione o complotto?

Wikileaks è un’organizzazione no profit mondiale venuta alla ribalta nel corso di questo decennio per recuperare documenti, file ed informazioni private o altamente segrete e pubblicarle al pubblico su internet, tramite il loro sito personale. Queste risorse provengono da fonti anonime segretissime, mai rivelate e per questo fortamente discusse.

Nel 2015, si contavano circa dieci milioni di file pubblicati in rete nei primi dieci anni di vita dell’organizzazione. 

Scopriamo insieme di cosa si tratta e perché sono ritenuti come un pericolo per tutte le nazioni mondiali. 

“Il logo colorato e giocoso di Google è impresso su retine umane poco meno di sei miliardi di volte al giorno, DUE trilioni di volte all’anno , un’opportunità per il condizionamento deLLE PERSONE di cui nessun’altra azienda nella storia ha avuto esperienza”.

– Julian Assange –

Le Origini

Il dominio internet è stato registrato per la prima volta nel 4 Ottobre 2006.  Nello stesso giorno è stato anche creato il sito che presentava il vero primo documento. 

La figura di spicco, è Julian Assange, che viene definito come ideatore, filosofo e rappresentate delle pubbliche relazioni dell’organizzazione.

Attorno a lui, gravitano altri personaggi come Sarah Harrison, Gavin MacFadyen (defunto nel 2016) e Kristinn Hrafnsson, che verrà eletto nel 2018 come presidente del reparto di pubblicazione. 

Anche se molti potrebbero confondersi ma Wikipedia” la famosa enciclopedia online, non ha nulla a che vedere con Wikileaks, la prima fa parte della Wikimedia Foundation, la quale non ha nulla a che vedere con l’organizzazione di Assange. 

Julian-Assange-lw
1068390254_0_48_1337_770_1000x541_80_0_0_dd3624f1a3094b0048d62af78b9d3596

Gli storici “Leaks” che hanno segnato un epoca

2006-2008

In questi anni vennero pubblicati diversi documenti, tra i quali, il primo fù il documento ufficiale dello stato statunitense che riguardava l’ordine di uccidere lo Sceicco Hassan Dahir Aweys.

Dopodichè, nell’ Agosto 2007, la famosa testata giornalistica “The Guardian” pubblicò un report sull’allora presidente keniano Daniel Arap Moi. Le informazioni provenivano direttamente da emittenti di Wikileaks. Dopodichè, c’è stata la diffusione di documenti estremamente privati riguardo la prigione di Guantanamo, una delle più importati a livelli mondiali. 

Altri “leaks” sono stati in ambito politico, colpendo in particolar modo esponenti americani, come Sarah Palin, la quale ha visto i dettagli del suo Yahoo Account completamente pubblici. 

2008-09-17-04
2008-09-17-01
586d0972ee14b62a008b662b

2009-2015

In questo anno fece il giro del mondo il video “ 12 July 2007 Baghdad airstrike” che ritraeva l’omicidio di due impiegati di Reuters essere uccisi perché si pensava portassero armi con loro.

E’ interessante che dopo questo video, la parole “Wikileaks” è risultato la più cercata per circa tutta l’Estate ed Autunno di quell’anno. 

Questo è stato il periodo dove numerosi documenti, circa 92 000 vennero rilasciati, soprattutto per coprire il principale tema della guerra in Iraq. 

Al termine di questa, venne presa di mira l’Europa, pubblicando alcuno documenti che riguardavano le attività di spionaggio con relative strategie e costi, dello Stato Francese comprendendo anche le decisioni dei due precedenti presidenti Nicolas Sarkozy e Jacques Chirac.

Infine, con il caso Snowden, l’esposizione mondiale di Wikileaks divenne imponente ma al contempo anche sabotata da molti Stati, come Colombia, Stati Uniti d’America e tanti altri che cercano di limitare il raggio di azione del dominio internet nei loro stati o addirittura attivare veri e proprie investigazioni nei confronti di Assange e staff.  

unnamed
50425971_303

2016-2019

In questi anni invece il focus si è spostato su tutto ciò che riguarda la “Cyber Security” detta anche la “Sicurezza Informatica”, pubblicando alcuni documenti della CIA dove venivano espressamente ammessi atti di spionaggio su computer e cellulari tramite fotocamere, social media, motori di ricerca ed addirittura gli stessi sistemi operativi. 

Per cui, sulla scia di scandali digitali e traffico di dati, presto l’attenzione si spostò sulle campagne elettorali che utilizzavano dati personali per indirizzare al meglio la campagna. 

Assange ha però dichiarato che, nonostante diversi tentativi da parte di Cambridge Analytica di ricevere informazioni e dati, hanno sempre negato una collaborazione.

Critiche, Controversie e la speranza di un mondo libero

Numerose furono, e continuano ad essere, le critiche verso Wikileaks. Ad esempio Edward Snowden predicò la loro insufficienza nel trattare i dati e soprattutto nel tenerli privati. 

Altre critiche dal mondo politico provengono dal fatto di non avere quasi mai trovato documenti legati alla Russia, per cui si pensi possano essere manipolati dallo Stato Russo, da sempre nemico degli Stati Uniti., questo spiegherebbe l’accanimento nei loro confronti. 

Infine, tutt’ora sono alle prese con numerose denunce, sabotaggi al livello informatico, che mirano a limitare il loro raggio d’azione, nonostante nel corso degli anni ha avuto l’apprezzamento del giornalismo mainstream, in quanto capace di condividere documenti di interesse mondiale in quanto mirano a distruggere importanti tasselli della società moderna.

Questo è solo un breve riassunto della complessa ed intricata storia di Wikileaks che si intreccia tra complotti di Stato e traffico di informazioni privatissime. Inoltre, i sopra citati sono solamente alcuni dei tantissimi documenti e fatti che circondano Wikileaks, che ad oggi, conta un nucleo ristretto di dieci persone, mentre il resto sono circa 800 operatori indipendenti che, il più delle volte, non richiedono un compenso per il loro contributo, perché condividono con l’organizzazione un unico obiettivo:

DELLA VERITÀ PER IL BENE DELL’UMANITA

  • grazie Morris per aver dato queste informazioni. su Assange…immagino che non tutti sappiano che con lui abbiamo avuto le prove di tutti quei dubbi che molti tacciati per pazzi complottisti non potevano dimostrare…ora per queste notizie che lui ha dato al mondo sta morendo carcerato a Londra e finche non muore rimarra li ….ma spero almeno che il suo sacrificio sia servito a liberarci da questi pazzi

  • Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info

    >