Dove e come trasferirsiMembership

Costruirsi una casa OFF GRID con pochi soldi partendo da un container – PARTE 2


AIUTACI A RAGGIUNGERE PIU' PERSONE POSSIBILI. Creare l'informazione libera ha un costo ed abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti. Potrai ACCEDERE SUBITO A 8260 VIDEO ESCLUSIVI grazie a 5 giorni di prova gratuita. CLICCA QUI ADESSO


ARTICOLI CORRELATI

Costruirsi una casa OFF GRID con pochi soldi partendo da un container – PARTE 1

Morris San

Costruirsi una casa OFF GRID con pochi soldi partendo da un container – PARTE 3

Morris San

Costruirsi una casa OFF GRID con pochi soldi partendo da un container – PARTE 4

Morris San

Costruirsi una casa OFF GRID con pochi soldi partendo da un container – PARTE 5

Morris San

Costruirsi una casa OFF GRID con pochi soldi partendo da un container – PARTE 6

Morris San

Costruirsi una casa OFF GRID con pochi soldi partendo da un container – PARTE 7

Morris San

11 comments

Alessandro 16/11/2021 at 16:07

non è molto salutare una casa di lamiera….

Isabella Bernardi 12/04/2021 at 17:24

Non immaginavo che ci volesse un tale lavoro solo per mettere sopra il container è creare un isolamento per le temperature.

Marco I. 05/04/2021 at 01:00

Non vedo l’ora di vedere la terza puntata! È sempre interessante vedere cosa può fare la mente umana!
Personalmente, considerato quanto ci ho messo io a fare i tagli per l’impianto elettrico con flessibile e martello pneumatico ,non fa per me !!! 😂Sarei ancora lì a buttar giù il cemento dopo un mese 😂figuriamoci i supporti alle finestre!!

STEFANIA CONCA 29/03/2021 at 22:40

Bella questa seconda parte! Grazie Morris ! Sono curiosa di scoprire come l’arrederanno !!!!

Morris San 30/03/2021 at 21:42

Grazie Stefania.
Sono 7 puntate

Patrizio Messina 29/03/2021 at 21:08

Scusate la domanda, ma non sarebbe costato molto meno fare una normale cosa con i mattoni rossi? Intendo quelli che tipicamente usiamo in Italia?
Non capisco qual è il vantaggio di aver fatto tutto questo lavoro per farla con i conteiner se poi ha dovuto comuqnue fare le fondamenta, poi i rifnorzi con l’acciaio sulle aperture, tutto l’intelaiatura in legno, eccetera (e ancora non ho visto la terza parte).

Una volta fatte le fondamenta, poteva tranquillamente alzare un pilastro da 3.5 metri e fare successivamente le travi. Essendo a piano unico, sia i pilastri che le travi sarebbero state di modesta dimensione e faceva tutto in un giorno di gettate cemento più un giorno per preparare i tondini interni. Poi, anche con una sola persona si passava il tempo a piazzare i mattoni e faceva tutto l’esterno (invece cheusare una squadra di tipo 5/6 persone). Inoltre non sarebbe stato vincolato nella forma a rettangoli (con le misure dei container) ma poteva farla bella quadrata o cmq più sfruttabile.

Io dico così per dire, poi non so se c’è un effettivo vantaggio a farla così rispetto che in modo tradizionale.

Morris San 30/03/2021 at 10:42

Caro Patrizio te lo dico da impresario.
La differenza di prezzo e` di un 30% in meno rispetto ai metodi tradizionali.
Inoltre ho spiegato il vantaggio di queste costruzioni.
No serve tanta esperienza x trasformarla in casa, mentre una casa tradizionale a parte il tipo di progettazione completamente diversa richiede solo personale qualificato per farla.
Inoltre si possono fare mille altri tipi di fondamenta piu` economiche ed il tipo lo spiega perche` ha utilizzato quell`altro sistema.
Inoltre sono case trasportabili cosa che non puoi fare con una casa tradizionale.
Ci sono mille motivi perche` costruire con il container e` piu` conveniente.
Questo e` un tipo di progetto che lo studio da anni e ti posso garantire che e` una soluzione molto valida per chi non ha tanti soldi e per chi non ha esperienza nel mondo dell`edilizia.
Con affetto
Morris San
P.S
Fatti sentire che organizziamo un`altra intervista

Elisabetta 29/03/2021 at 17:30

Grazie Morris, li conosco e sono una genialata.
Bisogna imparare a non avere limiti, e se possibile imparare a progettare il nido della propria vita, il proprio habitat con il senso della lungimiranza….. negli anni progettare e rimboccarsi le maniche, trovare il luogo e pianificare …

Vendetta 29/03/2021 at 13:58

Sinceramente anche considerando il fatto che si possano fare case con questo sistema, comunque le spese sono spesso fuori alla maggior parte della gente ….. inoltre da noi ci sono cagate legali che limitano l’uso di strutture o tecniche costruttive non allineate alla mafia statale…. Personalmente farei una casa con seghetto, accetta e nozioni di bushcraft …. case alla portata di tutti con buone rese, bassissime spese anche se è necessario trovare un terreno dove non vengano a rompere i coglioni … bisogna essere nascosti al sistema. Bisogna ragionare da vietnamiti e ho detto tutto

Francesca Desogus 29/03/2021 at 16:28

Stavo per fare lo stesso commento. I soldi da impiegare non sono alla portata di tutti. Inoltre il nostro sistema è contro questo tipo di iniziative. Però è molto interessante!!

Vendetta 30/03/2021 at 15:25

Sicuramente è interessante ma questi sono progetti per chi soldi ne ha anche troppi…. ho trovato video su youtube che fanno vedere come gente americana si costruisce case in mezzo al nulla con spese che comunque sono sempre alte per le tasche di chi non ne ha…. poi conosco tecniche (presentate anche su video condivisi su Youtube ) che mostrano come costruirsi abitazioni non moderne ma funzionali e utili alla sopravvivenza. Poi se una persona ha bisogno di molte cose DEVE avere un sacco di cose…. specie se non conosce come farne a meno o come sostituirle. Molte persone oggi sono dipendenti da moltissime cose che se guardate con occhio aperto, adattabilità e forza interiore, non sono né necessarie tanto meno naturali. Personalmente conosco il sistema di generare energia elettrica sufficiente per cellulare , tablet o piccole luci con il sole, l’acqua e il vento il tutto con una spesa minima (quello che costa di più è il sole) . Poi il resto lo si fa con una sega seria , una accetta e un coltello come si deve. tanto da lavorare ma poi non hai bisogno di nessuno da quel punto di vista. La cosa più difficile è la reperibilità di carne (carenza di animali selvatici da cacciare sul terrirotio italiano) e la purificazione dell’acqua che comune di può fare senza agenti chimici aggressivi ma c’è sempre da lavorare parecchio se si è da soli. Un soggetto solo è sempre in difficoltà… purtroppo i gruppi sono sempre un problema perché c’è gente che sembra aperta a certe cose ma poi si stufa….Anche l’allevamento animale di sussistenza necessita di molte conoscenze, perché non basta dare da bere e da mangiare ma bisogna avere anche un minimo di conoscenza medica veterinaria a meno che non si abbiano i soldi per chiamare un veterinario …. insomma le cose da conoscere sono tantissime. Io consiglio di acquistare un libro che trovari anni fa che si intitola ” Il manuale della vita naturale” di Alain Sauri … costa circa 28 euro e anche se non dice tutto, avendo alcune basi, da la possibilità di sapere cosa ti serve un po’ per tutto dalla medicina di base, alla coltivazione degli ortaggi, al compostaggio, macellazione animale, allevamento di base, costruire ripari, eccetera….

Scrivi un commento

Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info