Tg Giornaliero

TG6: a chi toccherà dopo Luc Montagnier?

Nel TG del 10 Febbraio Morris San ha parlato di numerose notizie dando importanti aggiornamenti su quello che sta accadendo in Italia e nel mondo.

IMPORTANTE – Aiutaci condividendo le seguenti notizie accessibili a tutti gratuitamente:

Condividi su Whatsapp, Instagram, Telegram, Facebook e tutti gli altri social: dobbiamo informare più persone possibili.

Le altre notizie:

RICEVI LE NOTIFICHE DI QUANDO PUBBLICHIAMO NUOVO MATERIALE SUI SEGUENTI SOCIAL:


AIUTACI A RAGGIUNGERE PIU' PERSONE POSSIBILI. Creare l'informazione libera ha un costo ed abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti. Potrai ACCEDERE SUBITO A 3280 VIDEO ESCLUSIVI grazie a 5 giorni di prova gratuita. CLICCA QUI ADESSO


ARTICOLI CORRELATI

TG6: la correlazione nino e HIV è sempre più certa

Morris San

TG6: spegneranno i social in Europa?

Morris San

TG6: Giorgia Meloni pro vax finchè non si tratta di sua figlia

Morris San

TG6: il film V per Vendetta rispecchia l’attualità

Gabriele Sannino

TG6: Un nuovo pericolo arriva dalla Cina!

ATur

TG6: Umbria senza pace per medici e pazienti

ATur

98 comments

Beatrix Boldt 11/02/2022 at 17:59

Ciao Morris,

ti allego il pensiero del Dott. Stefano Manera che ha nominato i premi che ha ricevuto Montagnier.

Ieri è morto il prof. Luc Montagnier.
Per ore ho letto di conferme e smentite.
Ho atteso prima di scrivere.
Oggi leggo le notizie: “Morto il guru dei novax”.
Tutto qui. Indegno e vergognoso.

Luc Montagnier, uomo di scienza, biologo molecolare e virologo di fama internazionale, direttore emerito del Centre National de la recherche scientifiique e dell’Unità di Oncologia Virale dell’Istituto Pasteur di Parigi dove nel 1983, assieme a Francois Berré-Sinoussi ha scoperto il virus HIV, tale traguardo scientifico valse ai due il Premio Nobel per la medicina 2008 (condiviso con il virologo tedesco Harald zur Hause).

Il professore nella sua lunga carriera ha ricevuto molti altri importanti riconoscimenti tra cui l’Ordine Nazionale al Merito (Comandant -1986) e la Legion d’Onore (Cavaliere -1984), il Premio Lasker e il Premio Scheele (1986), il Premio Louis-Jeantet per la medicina (1986), il Premio Gairdner (1987), l’American Academy of Achievement Golden Plate Award (1987), il premio Internazionale King Faisal (1993 – noto come Premio Nobel arabo) e Premio Principe delle Asturie (2000), il titolo onorario di Doctor of Humane Letters (LHD) dal Whittier College nel 2010.

Uomo mito e schivo, sempre allegro e sorridente, ma gran lottatore, detto da chi lo ha conosciuto di persona.
Oggi se ne va un pezzo di storia della medicina, del pensiero critico e anche dell’impegno sociale.

Il suo curriculum parla da solo, non c’è bisogno di aggiungere altro se non una parola essenziale e sempre
più svalutata: grazie.

1 5 6 7

Scrivi un commento

Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info