Ambiente ed Ecologia

L’intervista al tecnico aeroportuale Enrico Giannini sul tema della geoingegnieria (su gentile concessione Tommix) p1

Tanker enemy, in proficuo contatto da alcuni anni con un dipendente dello scalo aeroportuale di Malpensa, toglie il velo sulle operazioni di geoingegneria clandestina, da tempo demandate alle compagnie di volo civile. Il coraggioso testimone si chiama Enrico Gianini e rilascia, a volto scoperto, un’intervista esclusiva e dirompente per TViVO. Il Re è nudo!

Esiste un punto in cui induzione e deduzione convergono: l’intervista al tecnico aeroportuale si realizza nella zona di convergenza tra un’indagine empirica in prima linea ed un più che decennale studio basato su accurate ricerche e formulazioni di ipotesi. Sono le intuizioni di Tanker enemy: esse trovano rigorosa conferma nelle analisi sul campo con cui Enrico Gianini mette in luce i principali aspetti della geoingegneria clandestina.

Senza anticipare tutti i contenuti del fondamentale intervento, che vede l’efficace regia ed impaginazione di Tommix per il canale TViVO, riteniamo comunque di dover evidenziare che il discorso ruota attorno ad alcuni cardini.

• L’uso, per le distruttive operazioni chimico-biologiche in atmosfera, di carburanti speciali, adittivati di bario, alluminio, manganese, cadmio etc.

• L’inevitabile coinvolgimento (con omertà connessa) di controllori di volo, piloti, personale di terra, forze dell’ordine e magistratura a proposito delle attività che costituiscono i presupposti delle operazioni di “guerra climatica”.

• Le nuove esigenze ed i nuovi imprevisti nella manutenzione degli aeromobili.

• L’implementazione di sistemi e l’installazione di apparati ad hoc, vale a dire sui velivoli sono montati dispositivi, atti alla dispersione di composti chimici per lo più igroscopici ed elettroconduttivi.

• L’uso e la destinazione degli spazi all’interno degli aeromobili: giacché negli aerei, in questi ultimi lustri, sono ricavate “zone” per lo stoccaggio dei composti chimici sopra citati, quelle riservate ai bagagli o agli stessi passeggeri sono state progressivamente ridotte. Si pensi alle prescrizioni emanate da varie compagnie low cost con riferimento ai colli che ciascun viaggiatore può portare con sé: sono regole sempre più restrittive sia per quanto concerne il peso dei bagagli sia per quanto inerisce alle dimensioni.

• Il problema del bilanciamento dei velivoli, denunciato anche da alcuni tecnici che lavorano negli scali aerei di Las Palmas. E’ una questione che, com’è facile intuire, ha pesanti risvolti sulla sicurezza dei voli.

• Il nesso tra pipe-lines della N.A.T.O. (almeno per quanto attiene a molti Stati europei) ed azioni di geoingegneria illegale, con i vettori civili che sono approvvigionati per mezzo degli stessi carburanti di cui usufruisce l’aeronautica militare. Sono carburanti non soggetti a controlli di alcun genere.

• La questione della sindrome aerotossica all’origine di incidenti come quello occorso al velivolo della società tedesca “Germanwings”.


AIUTACI A RAGGIUNGERE PIU' PERSONE POSSIBILI. Creare l'informazione libera ha un costo ed abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti. Potrai ACCEDERE SUBITO A 4280 VIDEO ESCLUSIVI ed i corsi sull’oro, criptovalute e la creazione della comunità grazie a 5 giorni di prova GRATUITA. CLICCA QUI ADESSO


10 comments

Samanta Iseppi 23/11/2022 at 18:51

Grazie mille un grande , ho divulgato più possibile, spero che non venga bannato e che possa aprire le coscienze, grazie Rosario ammiro tantissimo il suo lavoro immenso faccio parte di un gruppo di Caneva nel Friuli Venezia Giulia e stiamo cercando di fare una conferenza sempre se il sindaco ci dà il via con questo argomento scottante ma che non ancora tutti credono purtroppo, sarebbe bellissimo avere un personaggio competente come lei il massimo! Buona serata grazie

Sergio Salvelli 09/12/2020 at 12:50

Grazie.Buon lavoro.

Maya 26/10/2020 at 18:33

Complimenti per il coraggio!

Mainardi Andrea 22/10/2020 at 08:43

Questa intervista è veramente PAZZESCA…..è una grande testimonianza.

Flo Nex 22/10/2020 at 01:20

Ottimo documento, complimenti al signor Enrico Gianini. Ricordo ancora nel lontano 2012, quando scrivevo alla protezione per avere spiegazioni sulle scie, ad oggi giorno, nessuna risposta.

nina 21/10/2020 at 18:46

Più si scava, più si vuole sapere, più l’abisso è profondo e più l’orrore è senza fine…La verità rende liberi solo se non si crede al caso. Una spiritualità profonda e, in un certo senso, “razionale” è la risposta Altrimenti la vita non avrebbe alcun senso

Mari Del Buono 21/10/2020 at 16:56

Graziee per tutte le informazioni date.. Grazieee per il tuo coraggio… che le tue dichiarazioni servano per risvegliare più gente possibile🙏🙏🙏

Federico Bernacchi 21/10/2020 at 14:08

a sentirlo parlare mi venivano i brividi…🥶

estela 21/10/2020 at 13:54

Complimenti per il suo Coraggio signor Enrico.

Mark 21/10/2020 at 10:50

Più si scoprono grazie a tutti voi queste mostruosità fatte dalla feccia umana e più capisci che non c’è mai limite al peggio di cosa possono arrivare a fare per i propri interessi personali questi mostri in forma umana!!!

Scrivi un commento

Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info