Attualità e PoliticaMedicina e Scienza

Social media: perché fa ammalare la nostra mente e divide la società?

Dall’introduzione delle prime piattaforme social, abbiamo assistito a lente e microscopiche spaccature nel nostro sociale. Col tempo queste sono diventate più grandi, le spaccature sempre più grandi e sempre più immediate.
In questo video vediamo e spieghiamo tramite importanti citazioni, come questi meccanismi stanno distruggendo la nostra società.

 

TESTO DEL VIDEO

 

“COSA HA FATTO DIO?”

Queste furono le prime parole inviate sulla macchina telegrafica elettrica appena inventata nel maggio 1844.

Questo messaggio si è rivelato profetico.

Perché le tecnologie di comunicazione che si sono succedute sulla scia del telegrafo, dal telefono, alla radio, alla TV, ai computer, a Internet, e ora smartphone e social media, hanno modificato radicalmente il tessuto della società.

In questa serie di video esploreremo alcuni degli effetti dell’uso della moderna tecnologia di comunicazione.

Per quanto notevoli conquiste dell’ingegno umano, queste tecnologie sono un’arma a doppio taglio.

La comunicazione è più facile che mai, ma lo è anche la capacità dei governi e delle aziende di tracciarci e monitorarci.

I media e i guardiani dell’istruzione del passato sono stati irrimediabilmente indeboliti dall’ascesa di Internet e dei social media – che è stato un vantaggio per le menti curiose – ma queste tecnologie vengono anche utilizzate per manipolarci attraverso la censura e la propaganda dilagante.

E mentre creano nuove possibilità per il modo in cui lavoriamo, impariamo e ci divertiamo, queste tecnologie hanno un lato che crea dipendenza che promuove i disturbi d’ansia e una vita sprecata.

Nel primo video di questa serie esploreremo come l’uso di queste tecnologie, e in particolare l’uso dei social media, stia alterando il modo in cui molti di noi rispondono alla domanda fondamentale:

“Chi sono?”.

La nostra risposta a questa domanda, o la storia che ci raccontiamo su noi stessi, forma la nostra identità o concetto che abbiamo di noi stessi.

Il modo in cui affrontiamo le sfide della vita, ciò di cui crediamo di essere capaci, il modo in cui trattiamo gli altri, ciò che apprezziamo e persino il modo in cui vediamo il mondo, sono tutti influenzati dall’opinione che abbiamo di noi stessi, o come scrive lo psicologo Michael Mahoney: 

“ Come un proiettore spontaneo di diverse forme e frequenze di luce, il nostro senso di chi siamo vincola e interpreta in modo formidabile i riflessi dei propri getti.

È un navigatore o scultore sempre presente ma invisibile in un viaggio lungo tutta la vita…” 

La salute o la malattia di una società è un sottoprodotto emergente della salute o della malattia dell’opinione di ognuna delle persone che popolano quella società.

Una società piena di individui che non credono in se stesse, che hanno paura della novità, infusi di impotenza, crivellati dall’ansia o afflitti dall’odio per se stessi può essere solo una società malata.

“Perché una cosa è necessaria: che un essere umano raggiunga la soddisfazione di se stesso… solo allora un essere umano è tollerabile da vedere.

Chi è insoddisfatto di se stesso è sempre pronto alla vendetta, e noi altri saremo le sue vittime…” diceva Nietzsche. 

 

Il nostro concetto di sé è in continuo sviluppo

ed è il prodotto di molti fattori, inclusa la nostra educazione, educazione, biologia, ambiente, relazioni interpersonali ed esperienze intrapersonali.

 

Ma uno dei fattori più importanti nella formazione della nostra individualità è il meccanismo di formazione dell’identità predominante nella nostra società.

 

Per capire cos’è un meccanismo di formazione dell’identità, esamineremo i due meccanismi che hanno preceduto l’ascesa dei social media, ovvero la sincerità e l’autenticità.

 

La sincerità ha prevalso in Occidente fino a poche generazioni fa e si basava sull’idea che la propria identità fosse intimamente legata a un insieme di ruoli sociali.

 

Questi ruoli non sono stati scelti dall’individuo, ma assegnati a lui o lei dalla famiglia e dalla comunità.

 

La propria identità è poi emersa nel tentativo di interpretare questi ruoli in modo sincero.

 

“In passato, l’identità era tipicamente assegnata dai ruoli sociali in cui si nasceva.

 

Insieme alla nascita è venuto non solo il sesso, ma anche l’identità tribale o etnica, la classe sociale, la professione e la religione”

 

Nel 19° e 20° secolo una maggiore mobilità sociale e una maggiore uguaglianza di opportunità scatenarono una ritrovata libertà di espressione personale.

 

I ruoli sociali predeterminati di classe, genere, religione ed etnia hanno perso importanza e il meccanismo di formazione dell’identità della sincerità è stato sostituito dall’autenticità.

 

Sotto l’autenticità si scopre, si realizza o si crea la propria identità e così la formazione dell’individualità diventa compito dell’individuo.

 

Per alcuni questo si rivela una benedizione in quanto sblocca possibilità e potenziali che sono rachitici quando ci si aspetta che ci si conformi sinceramente a ruoli sociali predeterminati, per altri è un peso poiché con la libertà di espressione di sé arriva la responsabilità per il sé che viene creato .

 

Ma con l’ascesa dei social media si è verificata una cosa strana: molte persone stanno tornando a un meccanismo di formazione dell’identità che assomiglia alla sincerità, un meccanismo di formazione dell’identità che Hans-Georg Moeller e Paul D’Ambrosio in You and Your Profile, hanno definita profilicità.

 

Come la sincerità, la profilicità è diretta verso l’altro e dipende dalle reazioni del pubblico.

 

Con sincerità, la propria famiglia e la propria comunità sono il pubblico che esprime un giudizio su quanto sinceramente si creda sia la verità.

 

Con la profilazione il pubblico è un gruppo di pari generalizzato composto da centinaia, migliaia o addirittura milioni di utenti dei social media e questo pubblico gioca un ruolo leggermente diverso rispetto alla sincerità: non solo il pubblico giudica l’identità che si forma, ma aiuta anche a plasmare il proprio i ruoli che uno si sforza di interpretare.

 

Perché la profilazione implica la creazione di profili sui social media attraverso la visualizzazione selettiva di immagini e altri frammenti di informazioni, o in modo più passivo semplicemente osservando i profili di personalità ammirate, e quindi utilizzando questi profili idealizzati come ruoli da svolgere nella vita reale.

 

O come spiega Jeremy Weissman in The Crowdsourced Panopticon:

“. . . si verifica uno scambio simultaneo tra le due entità, i nostri profili digitali e la persona che siamo realmente nella vita reale.

 

Mentre trasmettiamo online ritratti idealizzati da chi siamo realmente, a nostra volta modifichiamo la persona che siamo nella vita reale in modo che assomigli al nostro profilo online.

 

A un certo punto, il nostro sé nella vita reale e i profili digitali diventano una cosa sola”.

 

Formare un’identità attraverso il meccanismo della profilazione presenta seri inconvenienti.

 

In primo luogo, promuove un malsano grado di conformità.

 

Perché avere successo nel mondo dei social media è conformarsi poiché un profilo di successo è misurato da metriche come Mi piace, condivisioni e follower.

 

Ma la profilazione richiede non solo di conformarsi alle preferenze del proprio gruppo di pari, ma anche di conformarsi agli standard fissati da coloro che manipolano gli algoritmi dei social media, o come scrive Weissman: “Attraverso lo sguardo sempre crescente di un pubblico pervasivo online, noi può diventare eccessivamente sotto pressione, persino costretto all’opinione collettiva, poiché il meccanismo dei social media di Mi piace, Non mi piace, amici e follower è costantemente soggetto

noi al giudizio della folla insieme a quello sguardo”

 

Promuovendo un’iper-conformità, la profilazione limita il nostro potenziale poiché il gruppo di pari generalizzato degli utenti dei social media e i manipolatori degli algoritmi dei social media non hanno alcun interesse per molti elementi che comprendono una mente sana.

 

Con la profilazione se andiamo troppo fuori linea, se siamo troppo unici, o se il nostro valore

il sistema diverge troppo da ciò che è ritenuto accettabile, saremo evitati, umiliati e ostracizzati.

 

L’apparenza, la superficialità e l’adesione ai valori della cultura popolare sono ciò che conta con la prolificità, non coltivando una mente armonizzata, un corpo sano e una vita appagante.

 

Inoltre, se viviamo in una società malata, questa malattia sarà incarnata nelle preferenze del gruppo di pari generalizzato e quindi nel cercare la convalida di questa folla e incarnando le loro preferenze, ci chiudiamo in un senso malato di sé.

 

“Una volta che rinunciamo al nostro vero sé per svolgere un ruolo, siamo destinati a essere rifiutati perché abbiamo già rifiutato noi stessi.

 

Eppure lotteremo per rendere il ruolo più vincente, sperando di superare il nostro destino ma trovandoci più invischiati in esso.

 

Siamo presi in un circolo vizioso che continua a chiudersi, sminuendo la nostra vita e il nostro essere”. Dice  Alexander Lowen nel libro La paura della vita

 

Ma i difetti della profilazione non si limitano all’arresto della crescita del nostro potenziale, poiché questo metodo di formazione dell’identità promuove anche una rigidità nei sistemi di credenze che ostacola il progresso sociale e genera conflitto sociale.

 

Perché parte integrante della costruzione di un profilo di successo sui social media è la dimostrazione di virtuosità attraverso il supporto dei valori morali del proprio gruppo di pari online generalizzato.

 

A differenza dei tempi passati in cui la virtuosità veniva mostrata attraverso azioni o affermazioni verbali di natura effimera e limitate alla portata della propria famiglia, amici e membri della comunità, i social media creano una registrazione permanente delle proprie posizioni morali che tutto il mondo può vedere.

 

Sui social media le nostre posizioni morali ci seguono nel futuro con una tenacia precedentemente sconosciuta alla maggior parte delle persone.

 

Di conseguenza, anche quando vengono presentati fatti, informazioni o esperienze che vanno contro le narrazioni utilizzate per supportare le proprie opinioni, molte persone si rifiutano di correggerle poiché ciò equivale a negare un aspetto importante della loro identità costruita sui social media, o come Moeller e D’Ambrosio spiega:

 

“L’identificazione con la causa diventa così centrale e primaria nella profilicità che, stranamente, si preferisce la notizia che il problema è davvero grave come si teme – poiché ciò afferma il valore della causa, e quindi della propria identificazione con esso.

 

Se il cambiamento climatico oi diritti civili dovessero non essere più un problema, l’identità di coloro che si identificano con queste cause verrebbe minata e sgonfiata.

 

Il proprio profilo – costruito e mantenuto a volte con sforzi per tutta la vita, e in cui si è così profondamente investiti – perderebbe la sua validità sociale e diventerebbe obsoleto.

 

Più forte è l’identificazione con una causa, più la cura della causa diventa anche la cura di se stessi»

 

Quindi la ricerca della verità ha lasciato il posto al mantenimento delle identità e questa è una ricetta per una società polarizzata.

 

In pratica se hai speso tutta la tua vita a costruirti un profilo sui social che sostiene determinate cause, il tuo obiettivo sarà dimostrare costantemente che tali cause sono corrette a fronte di qualsiasi realtà o prova che ti verrà messa di fronte.

 

Se la tua causa perderà di importanza, di conseguenza perderà di importanza il tuo profilo sui social e quindi ti sentirai perso.

 

La manipolazione nasce proprio nel convincere le persone a schierarsi ciecamente da una parte o dall’altra della bilancia.

 

Quando ormai hai dichiarato di far parte di un gruppo nei social, sarà difficile per te ammettere di aver sbagliato in un prossimo futuro, anche quando scoprirai che i governi ti hanno mentito costantemente.

 

A peggiorare le cose, con gli algoritmi dei social media manipolati dalle società tecnologiche in modi che servono potenti interessi istituzionali, molte persone non riescono a rendersi conto che le posizioni morali della cultura popolare sono semplicemente posizioni che promuovono i programmi di società e governi corrotti.

 

Ma l’impatto sociale delle moderne tecnologie di comunicazione è ancora più profondo perchè il controllo e la manipolazione tramite i social media è solo una forma di schiavitù moderna.

 

Quindi dobbiamo continuare a proteggere ed a mantenere inalterata la persona che siamo realmente. 

 

L’approvazione sociale è ormai una delle armi di manipolazione più utilizzate dai mass media.

 

Non dobbiamo aver paura di dire la nostra opinione sia nella vita reale che nei social. 

 

Dobbiamo rimanere liberi. 


AIUTACI A RAGGIUNGERE PIU' PERSONE POSSIBILI. Creare l'informazione libera ha un costo ed abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti. Potrai ACCEDERE SUBITO A 4280 VIDEO ESCLUSIVI ed i corsi sull’oro, criptovalute e la creazione della comunità grazie a 5 giorni di prova GRATUITA. CLICCA QUI ADESSO


2 comments

Numero 6 17/10/2022 at 11:50

Cosa ne pensate di questa inchiesta?

Gilberto Barbieri 15/10/2022 at 18:12

Interessante: è importante partire dalla Sociologia per comprendere il ruolo del Media nel mondo contemporaneo.
Bel servizio davvero.

Scrivi un commento

Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info