fbpx
Riflessioni Gratis

Uso della mascherina e danni correlati

Quali sono le conseguenze legate all’uso prolungato della mascherina? Ve lo spiego in questo breve video e nel testo di seguito.

I rischi posti dalla contaminazione indoor di Anidride Carbonica

L’anidride carbonica (CO2) è una gas incolore ed inodore che fa parte del nostro ambiente naturale. E’ normalmente presente nell’atmosfera in una concentrazione limitata dello 0.036 % circa pari a 360 ppm (parti per milione). Anche se risulta in una percentuale limitata dell’atmosfera, è vitale per quasi tutte forme di vita. Noi non esisteremmo probabilmente senza CO2 perché l’anidride carbonica è il principio inorganico che, viene utilizzato dalle piante per la costituzione dei loro tessuti. Se soggiorniamo in una stanza con più persone, con animali, cucinando o fumando sigarette ciò farà sicuramente aumentare il contenuto di anidride carbonica producendo uno sgradevole odore ristagnante comunemente noto come Aria Viziata.

Avvelenamento da Biossido di Carbonio

Normalmente l’aria che noi respiriamo giornalmente contiene approssimativamente una concentrazione di CO2 pari a 360 ppm (ovvero 360 parti di gas CO2 per milione di parti di aria.) Se però noi soggiorniamo in un ambiente chiuso, per esempio se siamo a casa, in ufficio o stiamo viaggiando in un spazio confinato come in un aereo, il contenuto di CO2 può variare notevolmente. Da adulti, respirando, si effettuano più di 20,000 atti respiratori al giorno (pari a circa 14 al minuto) e quando siamo in un ambiente confinato, le concentrazioni più alte di CO2 possono essere riscontrate in quelle stanze dove normalmente si trascorrono la maggior parte di ore; specialmente se insieme ad altre persone. Inoltre la presenza in questi ambienti di animali, di apparecchi a combustione, come un fornello o una stufa, o apparecchi che riscaldano l’aria come termosifoni, oppure lo stesso fumare una sigaretta fa aumentare la concentrazione di anidride carbonica all’interno dell’ambiente. Pertanto in tali condizioni, in luoghi chiusi, il livello di CO2 continua ad aumentare fintanto che non viene immessa aria fresca e pulita, ad esempio aprendo una finestra.

È’ stato osservato che possono ritenersi adeguate le concentrazioni di CO2 che vengono mantenute tra i 400-800 ppm, infatti le persone con questi livelli solitamente non avvertono nemmeno il disagio di ritrovarsi a respirare aria “Viziata”. Non appena le concentrazioni di CO2 superano questi livelli si noteranno immediatamente effetti sgradevoli o malori piu’ o meno accentuati a seconda del livello della sensibilita’ personale. Quando però la temperatura all’interno
della stanza sale ed il livello di CO2 aumenta sopra i 1500 ppm subito si inizia ad avvertire il disagio di trovarsi in un ambiente insalubre. Al verificarsi di queste condizioni sarà cosa opportuna far sì che aria fresca venga immessa al più presto nell’ambiente.

L’anidride carbonica agisce sulle nostre funzioni fisiche e vitali in molti modi, può modificare la respirazione, modificare la regolare circolazione del sangue ed alterare l’acidità dei fluidi del corpo. Le prime percezioni di una esposizione a concentrazioni elevate di CO2 portano comunemente ad avvertire fastidi ben noti come una difficoltà nel respirare, mal di testa, spossatezza fisica ed una netta sensazione di “mancanza di aria”.

L’immediata introduzione all’interno dell’ambiente di aria fresca è importante perché assicura un rapido ritorno alle condizioni fisiche precedenti eliminando questi fastidi. Di solito in una casa i livelli di CO2 possono variare tanto ed essere solitamente compresi tra i 500 ed 2000 ppm. Molti studi hanno indicano che le concentrazioni di CO2, a questi livelli, non hanno un impatto sulla salute umana, ma iniziano ad agire seriamente sulle funzioni vitali intorno a livelli di concentrazione pari o superiori a 5,000 ppm.

Rischi

A livelli piu’ alti, i.e., 15.000 – 30.000 ppm (livelli di concentrazione solitamente non riscontrabili in una abitazione standard), i sintomi che si manifestano possono includere nausea o vomito, vertigini, depressione mentale, tremori, disturbi della vista, la perdita di coscienza può accadere ma solitamente si verifica in presenza di livelli di concentrazione maggiori. La serietà dei sintomi manifesti è direttamente relazionata dalla concentrazione di anidride carbonica presente nell’ambiente ed alla durata di esposizione a cui un individuo è soggetto.

Una esposizione prolungata ad alte concentrazioni di CO2 porta ad asfissia, esponendo l’organismo ad un gravissimo calo di ossigeno nel corpo e ad un esagerato aumento di anidride carbonica, si piomba così in uno stato di incoscienza o addirittura si arriva alla morte. A concentrazioni di CO2 di circa 100,000 ppm si giunge ad immediati effetti letali. La sintomatologia prima descritta si verifica ogni qualvolta il livello di anidride carbonica aumenta sopra valori di soglia, pertanto l’ossigeno presente nell’ambiente diminuisce e si riduce così anche la quantità di ossigeno che circola nel sangue e che arriva al cervello.

Quando la concentrazione di ossigeno presente nel sangue diminuisce troppo, ed il livello di anidride carbonica aumenta (ciò che accadrebbe se una persona respirasse solo il suo alito), il sistema respiratorio automaticamente va in tilt e si instaura un meccanismo che fà accelerare automaticamente la respirazione.

Una sindrome diffusa che provoca malori è quella generata dall’aria riciclata degli edifici, degli uffici, dei luoghi chiusi in cui spesso si soggiorna per ore. I disturbi più comuni e meno gravi possono includere irritazioni al naso ed alla gola, mal di testa, tosse, starnuti, affaticamento, difficoltà di concentrazione, nausea, vista annebbiata.

Questi sintomi, ben conosciuti, sono noti come “sindrome dell’edificio ammalato”. La causa di queste indisposizioni così come di molti inquinamenti dell’aria assai più dannosi, è data da una concentrazione elevata di anidride carbonica. I sistemi di ventilazione non adeguati generano formazione di batteri ed agenti chimici che immessi nell’aria procurano i fastidi e le indisposizioni prima citati. E’ importante utilizzare un sistema di ventilazione meccanico ben progettato ed appropriato per ridurre i livelli di anidride carbonica presenti in ambienti chiusi.


ACCEDI SUBITO A 1,200 VIDEO ESCLUSIVI. Scoprirai la verità su quello che sta succedendo attualmente nel mondo. CLICCA QUI ADESSO


  • Ciao Rosario e grazie per questo documento divulgativo che rifugge dalla menzogne diffuse h.24 dalla tv e dalla falsa medicina. Anche Montanari afferma le stesse cose ma purtroppo la maggioranza dei teleidioti preferisce ascoltare la tv e considerarla un vangelo assoluto.
    Voglio proprio vedere come faremo in estate ad indossare questa orrida museruola h.24 all’aperto e al chiuso. Che orrore di mondo è questo!

    • ribellatevi in qualche modo. So che avete famiglia, in molti, e tutto, ma se non ci si ribella ora, lavorare diventerà impossibile e un privilegio di pochi. Perché in queste condizioni non si può andare avanti. Già fare l’autista è un lavoro stressante di per sé, indossare la mascherina per forza è una forzatura inumana.

      Io probabilmente avrei mollato il lavoro sono sincero.

  • Temo che l’obbligo dell’uso della mascherina sia dovuto proprio al fatto che faccia male e loro lo sanno benissimo. Sono certo che molte delle persone indicate da Marcianò affette da polmonite batterica da museruola siano poi stati marchiati come malati di Covid.

  • Purtroppo Rosario ci sono poche persone come te, o simili a te, che non hanno davvero paura di andare contro il sistema (con la s minuscola, sia chiaro).

    E purtroppo alla maggior parte degli itaGLiani teledipendenti quello che dici tu o non lo ascoltano o pensano siano emerite cazzate.

    Restiamo uniti e grazie Rosario.

  • Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info

    >