Numero6.org
Spedire le Api in Guerra 49
Ambiente e Ecologia Approfondimenti Gratis

Spedire le Api in Guerra

Le api sono essenziali per la funzionalità dei titani americani della industria delle mandorle – e miliardi stanno morendo nel processo. 

Dennis Arp si sentiva ottimista la scorsa estate, cosa inusuale per un apicoltore di questi tempi.

Grazie ad una primavera umida da record, le sue centinaia di alveari sparsi nel deserto dell’Arizona centrale, hanno prodotto una quantità generosa di miele. Arp avrebbe avuto molto da vendere nei negozi, ma ancora più importante, il raccolto eccezionale darebbe forza alle sue api per il loro più grande compito dell’anno successivo.

 

Come la maggior parte degli apicoltori commerciali negli Stati Uniti, almeno la metà delle entrate di Arp ora proviene dell’impollinazione delle mandorle. La vendita di miele è molto meno redditizia rispetto ad affittare le sue colonie a mega-fattorie nella fertile Central Valley della California, sede dell’80% della fornitura mondiale di mandorle.

Ma con l’avvicinarsi dell’inverno, con Arp a pochi mesi dal portare i suoi alveari in California, le sue api iniziarono ad ammalarsi. A ottobre, 150 degli alveari di Arp erano stati spazzati via dagli acari, il 12% del suo inventario in pochi mesi. “Il mio cortile è attualmente pieno di pile di scatole vuote che contenevano alveari sani”, dice.

Questo non dovrebbe accadere a qualcuno come Arp, un apicoltore con decenni di esperienza. Ma la sua storia non è unica. Gli apicoltori commerciali che inviano i loro alveari agli allevamenti di mandorle vedono morire le loro api in numero record e nulla di ciò che fanno sembra fermare il declino.

Un recente sondaggio tra apicoltori commerciali ha mostrato che 50 miliardi di api – più di sette volte la popolazione umana del mondo – sono state sterminate in pochi mesi durante l’inverno 2018-19. Si tratta di più di un terzo delle colonie di api commerciali degli Stati Uniti, il numero più alto dall’inizio dell’indagine annuale a metà degli anni 2000.

Gli apicoltori attribuivano l’elevato tasso di mortalità all’esposizione ai pesticidi, alle malattie da parassiti e alla perdita di habitat. Tuttavia, gli ambientalisti e gli apicoltori biologici sostengono che il vero colpevole è qualcosa di più sistemico: la dipendenza dell’America dai metodi di agricoltura industriale, in particolare quelli utilizzati dall’industria delle mandorle, che richiede una meccanizzazione su larga scala di uno dei processi naturali più delicati della natura.

I sostenitori dell’ambiente sostengono che l’enorme proliferazione commerciale delle api europee utilizzate negli allevamenti di mandorle sta minando l’ecosistema di tutte le api. Le api da miele superano le diverse specie di api autoctone per il foraggio e minacciano le specie in via di estinzione che stanno già lottando per sopravvivere ai cambiamenti climatici. Gli ambientalisti sostengono che una soluzione migliore è trasformare il modo in cui viene condotta l’agricoltura su larga scala negli Stati Uniti.

Come tutte le api, le api mellifere prosperano in un paesaggio ricco di biodiversità. Ma l’industria delle mandorle della California le colloca in una monocoltura in cui i coltivatori si aspettano che le api siano prevedibilmente produttive anno dopo anno.

 

Le api domestiche commerciali sono considerate bestiame dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti a causa del ruolo vitale della creatura nella produzione alimentare. Ma nessun’altra classe di bestiame si avvicina alle circostanze della terra bruciata che affrontano le api mellifere commerciali. Ogni anno negli Stati Uniti muoiono più api di tutti gli altri pesci e animali allevati per la macellazione messi insieme.

“L’alto tasso di mortalità crea un triste modello di business per gli apicoltori”, afferma Nate Donley, uno scienziato senior del Center for Biological Diversity. “È come mandare le api in guerra. Molti non tornano. “

Noci per mandorle

L’industria californiana delle mandorle da $ 11 miliardi (£ 8,4 miliardi) è cresciuta ad un ritmo straordinario. Nel 2000, i frutteti di mandorle occupavano 500.000 acri. Nel 2018 erano più che raddoppiati: i mandorleti nella Central Valley ora ricoprono un’area delle dimensioni del Delaware, producendo 2,3 miliardi di libbre (1 milione di tonnellate) di mandorle vendute ogni anno in tutto il mondo.

L’americano medio mangia 2 libbre (900 g) di mandorle ogni anno, più che in qualsiasi altro paese. Le vendite di latte di mandorle negli Stati Uniti sono aumentate del 250% negli ultimi cinque anni, raggiungendo 1,2 miliardi di dollari, oltre quattro volte quelle di qualsiasi altro latte vegetale, secondo un rapporto Nielsen del 2018.

“Non vediamo un limite alla crescita a questo punto, soprattutto con l’incredibile versatilità delle mandorle negli alimenti”, afferma Richard Waycott, presidente e CEO di Almond Board of California, un’organizzazione no-profit che rappresenta la maggioranza dei contadini.

Ma questi enormi frutteti non possono funzionare senza le api

Non molto tempo fa l’apicoltura era principalmente un inseguimento boutique dell’apicoltore gentiluomo. Quando gli immigrati europei introdussero la loro versione dell’agricoltura in Nord America, importarono anche l’arte dell’apicoltura, insieme a scatole di Apis mellifera, l’ape domestica europea.

Durante il XIX e l’inizio del XX secolo, gli apicoltori si guadagnavano una vita modesta vendendo cera d’api e miele. Ma alla fine del XX secolo ci fu un cambiamento titanico, esemplificato dalla carriera di Dennis Arp.

Arp, 67 anni, è entrato nell’apicoltura quasi quattro decenni fa quando ha fondato la sua azienda Mountain Top Honey a Flagstaff, in Arizona. Una presenza imponente con i bicipiti tonificati dal sollevamento di pesanti scatole di api, Arp è il tipo di apicoltore diligente che trascorre le sue giornate guidando tra i siti degli apiari e le sue notti a studiare forum online, leggendo articoli sull’ultimo trattamento degli acari.

Quando il miele importato a buon mercato iniziò a incidere sui profitti di Arp negli anni ’80, decise di inviare alcuni dei suoi alveari con un amico apicoltore per impollinare le mandorle in California. Un decennio dopo ha stretto un accordo tutto suo con un coltivatore di mandorle nella contea di Kern, in California. Con questa mossa strategica, Arp si unì ai ranghi crescenti di apicoltori migratori negli Stati Uniti che ancora vendono miele ma per lo più viaggiano per il paese da un sito di impollinazione all’altro con pile di scatole di api al seguito.

All’inizio degli anni ’80, quando Arp vendeva solo miele, perdeva circa il 5% dei suoi alveari all’anno a causa di malattie o condizioni meteorologiche. Intorno al 2000, le api di Arp hanno iniziato a morire in numero maggiore.

In primo luogo, ha subito una perdita quasi del 100% dei suoi alveari a causa di un infestazione di acari tracheali. Poi ha dovuto affrontare l’intrusione di api “assassine” africanizzate. E infine, quello che considera ancora la rovina dei suoi affari, un acaro parassita chiamato Varroa destructor ha letteralmente succhiato la vita dalle sue api. L’acaro si nutre del corpo paffuto dell’ape, distruggendo il sistema immunitario dell’insetto e altre funzioni vitali. Se Arp non applica trattamenti chimici regolari per gli acari, le sue colonie moriranno.

Ora Arp si trova in un circolo vizioso: lotta costantemente per mantenere in vita un numero sufficiente di api per soddisfare i requisiti del suo contratto di mandorle. Ma se non stesse impollinando le mandorle, forse le sue api sarebbero più sane.

Quest’anno le api di Arp, come più di due terzi della popolazione commerciale di api domestiche degli Stati Uniti, trascorreranno febbraio nella zuppa chimica tossica della Central Valley della California, fertilizzando le mandorle un fiore alla volta.

I pesticidi vengono utilizzati per tutti i tipi di colture in tutto lo stato, ma la mandorla, a 35 milioni di libbre all’anno, viene cosparsa di quantità assolute maggiori di qualsiasi altra. Uno dei pesticidi più ampiamente applicati è l’erbicida glifosato (AKA Roundup), che è un alimento base per i coltivatori di mandorle su larga scala e ha dimostrato di essere letale per le api e di provocare il cancro negli esseri umani. Il produttore, Monsanto di proprietà di Bayer, nega il collegamento al cancro quando le persone usano Roundup al dosaggio prescritto. Finora quest’anno tre tribunali statunitensi si sono espressi a favore degli utenti di glifosato che hanno sviluppato forme di linfoma; altre migliaia di casi sono pendenti.

Oltre alla minaccia dei pesticidi, l’impollinazione delle mandorle è particolarmente impegnativa per le api perché le colonie vengono risvegliate dalla dormienza invernale circa uno o due mesi prima di quanto sia naturale. L’enorme quantità di alveari richiesta supera di gran lunga quella di altre colture: le mele, il secondo raccolto di impollinazione più grande d’America, utilizzano solo un decimo del numero di api. E le api sono concentrate contemporaneamente in una regione geografica, aumentando in modo esponenziale il rischio di diffusione della malattia.

“Le api sono esposte a tutti i tipi di malattie in California”, afferma Arp. “Possono esserci centinaia di migliaia di alveari di più apicoltori in un’unica area di sosta. È come lasciare che le tue api entrino in un bar per single e poi fanno sesso non protetto “.

Il business delle mandorle è stato positivo per Arp: lo scorso febbraio, ad esempio, ha installato 1.500 dei suoi alveari nel frutteto di un coltivatore a $ 200 per alveare – quindi è riluttante a stabilire un collegamento diretto tra le costanti sfide per la salute delle sue api e il tempo trascorreva ogni primavera nei mandorleti. “Alle api piace lavorare sulle mandorle”, dice Arp. “Ma ovviamente li espone a rischi.”

Ora perde regolarmente il 30% o più delle sue api all’anno, rispecchiando le statistiche nazionali. In qualsiasi altro settore, la morte di un terzo della tua forza lavoro provocherebbe una protesta internazionale, ma questa sconcertante perdita è ora considerata il normale costo per fare affari.

“Le api nei mandorleti vengono sfruttate e non rispettate”, afferma Patrick Pynes, un apicoltore biologico che insegna studi ambientali presso la Northern Arizona University di Flagstaff. “Sono in grave declino perché il nostro rapporto umano con loro è diventato così distruttivo.”

L'alto prezzo della crescita

Quando il fenomeno chiamato “disturbo da collasso della colonia” è stato identificato per la prima volta nel 2006, dopo che un numero record di api mellifere è misteriosamente scomparso o è morto fuori dai loro alveari, è stato collegato a una varietà di fattori tra cui la perdita di habitat e il cambiamento climatico. Ma il colpevole principale erano i pesticidi. I ricercatori hanno scoperto che una classe di pesticidi chiamati neonicotinoidi era particolarmente letale per le api.

Lo scorso maggio, l’EPA ha ritirato dal mercato una dozzina di “neonics” a seguito di una causa legale promossa da apicoltori e gruppi ambientalisti.

Ma ci sono molte sostanze chimiche che non sono etichettate come tossiche per le api, anche se possono far ammalare le api e indebolire il loro sistema immunitario. Sebbene le api possano sopravvivere alla stagione dell’impollinazione, potrebbero non durare l’inverno o potrebbero riprendersi sostanze che avvelenano gradualmente l’intera colonia.

Quelli dalla parte dei coltivatori di mandorle riconoscono che c’è un enorme problema. “Il tasso di mortalità delle api è troppo alto ed è inaccettabile”, afferma l’entomologo Bob Curtis, consulente per l’impollinazione dell’Almond Board of California. “È solo grazie al duro lavoro e alla creatività degli apicoltori che i coltivatori di mandorle hanno ottenuto le api di cui hanno bisogno”.

Le linee guida di “best practice” del consiglio di mandorle incoraggiano gli apicoltori a trascorrere il minor tempo possibile nella Central Valley della California. Le api da miele possono viaggiare fino a tre miglia alla ricerca di foraggio vario, quindi anche se il coltivatore di mandorle sta facendo tutto bene per proteggere un investimento di impollinazione, l’agricoltore di cotone o uva lungo la strada potrebbe spruzzare sostanze chimiche tossiche per le api sui raccolti.

Anche se la produzione di mandorle è aumentata costantemente per decenni, il numero di alveari commerciali negli Stati Uniti è rimasto stabile a 2,7 milioni di colonie dall’inizio degli anni 2000. Con tutte le sfide che gli apicoltori devono affrontare, mantenere il minimo indispensabile è una lotta.

Una strategia di copertura perseguita dall’industria delle mandorle è stata quella di allevare varietà di mandorle che richiedono solo un alveare per acro per impollinare, invece di due. E lo scorso gennaio, una legge sulla protezione degli impollinatori è entrata in vigore in California come parte dell’iniziativa statale “Bee Where”. Per questo programma, gli apicoltori sono tenuti a registrare l’ubicazione dei loro alveari con il commissario agricolo della contea e gli agricoltori devono informare il commissario in anticipo di eventuali piani per spruzzare pesticidi.

Anche così, i costi che gli apicoltori devono sostenere per mantenere in vita le loro api sono in costante aumento. Arp ha speso circa $ 50.000 nell’ultimo anno per acquistare nuovi alveari per compensare la perdita di colonie del 35% che ha subito l’anno scorso. Spende anche almeno $ 50.000 all’anno per trattamenti contro gli acari, per non parlare di altre misure più aggressive che l’industria sta adottando solo per mantenere lo status quo. Questi includono la divisione a metà di robusti alveari, l’introduzione di regine per corrispondenza a nuovi alveari e api da ingrasso su sciroppo di mais o su sostanze polliniche simulate chiamate “polpette di polline”.

Gli esperti dicono che il semplice aggirare il problema dei pesticidi non è sufficiente e che l’agricoltura stessa deve essere cambiata da zero.

Spedire le Api in Guerra 57

La ricerca di una soluzione

La speranza si trova in un nuovo programma di certificazione che, simile alle etichette “biologiche” o “del commercio equo”, aiuterà i consumatori a scegliere prodotti realizzati con metodi rispettosi delle api.

Il programma di certificazione “Bee Better”, lanciato nel 2017 dalla società no-profit Xerces Society, introduce la biodiversità nei mandorleti per controllare naturalmente i parassiti e nutrire le api mellifere. Xerces sta lavorando con i coltivatori di mandorle per piantare fiori selvatici della California, senape e trifoglio tra i filari di alberi e le siepi fiorite autoctone lungo il perimetro del frutteto, una sorta di recinzione ecologica per mantenere le api nel frutteto.

Il programma ha ottenuto una vittoria quando il gelato Häagen-Dazs è diventato la prima azienda alimentare a trasportare prodotti con il sigillo Bee Better. La barretta di mandorle e cioccolato al latte vanigliata dell’azienda è stata lanciata a dicembre al Costco, Sam’s Club e BJ’s Wholesale Club, con altri tre gusti di gelato alla mandorla adatti alle api che saranno disponibili all’inizio del 2020.

Lasciare che la natura faccia il suo corso non è una novità per l’81enne Glenn Anderson. È il primo e ancora uno dei pochi coltivatori di mandorle biologiche nella San Joaquin Valley in California. Il suo frutteto di 40 anni è piccolo – solo 20 acri – ed è sempre stato privo di sostanze chimiche.

“Non abbiamo parassiti; abbiamo la biodiversità “, afferma Anderson, che vende direttamente ai singoli clienti attraverso la sua società Anderson Almonds. A differenza dei grandi allevamenti industriali di mandorle che spogliano il terreno del frutteto per trattare in modo più efficiente insetti e funghi, Anderson consente la crescita di un ricco sottobosco, che nutre naturalmente il terreno e rafforza gli alberi.

Anderson assume un “appassionato di apicoltori” della California settentrionale ogni primavera per installare circa 20 arnie nel suo frutteto. “Abbiamo l’opposto del collasso della colonia nella mia fattoria”, dice Anderson. “Il mio apicoltore abbatte gli alveari deboli che vuole ricaricare nella mia proprietà.”

Anderson dice che il compromesso per non usare pesticidi è che il suo raccolto annuale è inferiore – in genere circa 10.000 libbre – e mantiene il suo frutteto piccolo per gestirne la natura selvaggia. “Sono contrario a un modello di espansione”, dice. “Non mi va molto.”

E per quanto riguarda le mandorle industriali? “Hanno il sapore di cartone”, dice.

Di ritorno in Arizona, Dennis Arp e suo figlio Adam stanno solo cercando di superare i prossimi mesi con il maggior numero possibile di api sane.

Ci sono giorni in cui i costi sembrano travolgenti e Arp si chiede se dovrebbe appendere al chiodo il suo costume da ape macchiato di miele. Ma l’apicoltura è ciò che conosce meglio e vuole trasferire l’attività a suo figlio.

“Non so ancora come ce la faremo”, dice. “Ma lo faremo funzionare.”

Spedire le Api in Guerra 58

ARTICOLI CORRELATI

Il futuro è nelle carte: Come il gioco di Carte Illuminati predice esattamente cosa sta accadendo

Numero 6 Team

I 4 motivi per cui lo sviluppo della tecnologia può aiutare l’uomo

Numero 6 Team

Cosa devi sapere su “Il Nuovo Ordine Mondiale”

Numero 6 Team
  • il glifosato fa morire le api, fino a 2 anni fa lo usavano in agricoltura vicino a casa mia e le api erano sparite, adesso che hanno smesso di usarlo sono ritornate in grande quantità, questo anno le ho viste in grande quantità su di un campo di girasoli. p.s abito vicino a Bologna.

  • Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info

    Would you like to receive notifications on latest updates? No Yes
    >