Kesha: una "pedina" degli illuminati 3
Indice Cantanti e Gruppi musicali Gratis

Kesha: una “pedina” degli illuminati

Kesha è una cantautrice americana nota per canzoni come “Tik Tok”, “Die Young,” “We R Who We R” e “Praying.”

Approfondiamo alcuni dettagli nascosti della cantante.

 

CHI E’ DAVVERO KESHA?

Kesha, all’anagrafe Kesha Rose Sebert è una cantautrice, attrice e attivista statunitense nata nel 1987.

All’eta di 17 anni Kesha ha lasciato la scuola per perseguire la carriera musicale.
Nel 2005, ha firmato un contratto con l’etichetta discografica di Dr. Luke, la Kemosabe Entertainment.
Nonostante fosse attiva nel mondo della musica sin dal 2005 cantando nel coro di canzoni di altri artisti e partecipando a video musicali, il suo debutto da solista è avvenuto nel 2009, quando ha duettato con Flo Rida nel suo singolo numero uno “Right Round”.
Il suo album di debutto “Animal” e la sua ristampa “Cannibal” sono stati pubblicati nel 2010. Lo stile irriverente di Kesha le ha garantito un immediato successo commerciale: il disco ha infatti raggiunto la vetta della classifica statunitense e da esso sono stati estratti quattro hit di successo globale, tra cui “Tik Tok”.
Anche “We R Who We R” e “Blow”, i singoli appartenenti alla ristampa, sono entrati nelle prime posizioni della classifica statunitense. 

Nel 2012 pubblica il suo secondo album in studio “Warrior” contenente brani di successo come “Die young” e “C’mon”.
Dal 2014 al 2016 intraprende una battaglia legale contro il suo storico produttore Dr. Luke, accusandolo di violenza sessuale nei suoi confronti, che la tiene lontana dalle scene musicali per oltre due anni.
Nel 2017 ritorna con il terzo album in studio “Rainbow”, portato al successo dall’acclamato singolo “Praying”.
Nel 2019 pubblica il singolo “Raising Hell”, singolo che apre il suo quarto album, intitolato “High Road”.

 

PATRIMONIO PERSONALE

Secondo quanto riportato da Celebrity Net Worth la cantante potrebbe avere una ricchezza di circa $ 30 milioni se non fosse per la sua causa contro il suo produttore Dr. Luke.
Si dice che, in seguito alla causa, abbia un patrimonio netto di $ 5 milioni.

 

CAUSE GIUDIZIARIE DI KESHA

Kesha ha fatto causa a Dr. Luke a ottobre 2014: la cantante sosteneva di essere stata “vittima di violenza fisica, psicologica ed emotiva” e di aver subito violenze sessuali dopo essere stata drogata. Pochi giorni dopo Dr. Luke ha risposto con una contro-causa per diffamazione.

Kesha voleva interrompere ogni rapporto professionale con Dr. Luke e con la Sony, ma non ci è riuscita, ritrovandosi invischiata in due cause legali senza poter suonare o registrare nulla e bloccando temporaneamente la sua carriera.
Attualmente i processi sono ancora in corso ma nelle prime sentenze i giudici hanno respinto le accuse di Kesha.

 

KESHA MASSONERIA E SATANISMO

La cantante sembra essere un’altra vittima degli illuminati ed è probabilmente sotto il controllo del produttore Dr.Luke che ha contribuito al successo di Katy Perry, Britney Spears, Rihanna, Justin Bieber e Miley Cyrus, non a caso tutti artisti che attraverso la loro musica veicolano i messaggi voluti degli illuminati.

Il videoclip di “Die Young” è un video attentamente progettato e elaborato per diffondere il simbolismo massonico e satanico cercando di farlo diventare sempre più parte della cultura sociale.
Lo scopo di Die young è promuovere la cultura della morte, la sessualizzazione, il materialismo e una corrotta spiritualità.

Il video inizia con l’arrivo di un carro funebre presso una chiesa apparentemente abbandonata.
All’apertura dello sportello nel video compare un teschio chi simboleggia il culto della morte.

Kesha: una "pedina" degli illuminati 8

Inoltre, si osserva che sul carro funebre c’è la scritta EVIL cioè male che trova stretta correlazione col tema del culto della morte.

In aggiunta, in queste scene ci sono altri simboli che è opportuno sottolineare:

  • Kesha indossa un anello con l’occhio di Horus; 

    Kesha: una "pedina" degli illuminati 9

  • In una scena del video Kesha si copre l’occhio e anche questo è un gesto utilizzato per richiamare la programmazione monarch;Kesha: una "pedina" degli illuminati 10

 

  • Nel video compare più volte una croce rovesciata che simbolo associato al satanismo il quale esprime l’anticristianità; 

    Kesha: una "pedina" degli illuminati 11

 

  • Le scene del video presentano spesso come sfondo delle piramidi che possono essere collegate alla piramide massonica; 

    Kesha: una "pedina" degli illuminati 12

  • Nella parte centrale del video compare più volte la stella a cinque punte all’interno del cerchio nota come pentacolo che è associato all’esoterismo.Kesha: una "pedina" degli illuminati 13

 

Inoltre, il testo della canzone recita “We’re gonna die young” cioè moriremo giovani come se si volesse trasmettere nella mente dei suoi ascoltatori che la vita umana è senza valore e che la morte deve essere vista come una cosa positiva.La canzone di Kesha è stata oggetto dell’attenzione mediatica dopo la strage di Sandy Hook in cui furono uccisi 20 bambini. La cantante in questa occasione ha scritto di essere dispiaciuta e di comprendere che la sua canzone potesse essere ritenuta inadeguata in quel momento.

In aggiunta, la cantante ha dichiarato sui social: “ Capisco. Ho avuto un problema personale con “Die Young” per queste ragioni. Non volevo cantare quei testi ma sono stata forzata a farlo.”

Una dichiarazione che non lascia dubbi sul fatto che la cantante fosse sottoposta al controllo mentale degli illuminati.

Kesha: una "pedina" degli illuminati 14

LE FOTO SCANDALO

Kesha: una "pedina" degli illuminati 15

 

Kesha: una "pedina" degli illuminati 16


L’articolo non vuole in nessun modo criticare le qualità artistiche del cantante ma si analizzano soltanto alcuni aspetti nascosti e occulti nella sua carriera. Molti degli artisti approfonditi producono brani di grandissima qualità e successo.


ACCEDI SUBITO A 1,680 VIDEO ESCLUSIVI grazie a 5 giorni di prova gratuita. CLICCA QUI ADESSO


  • Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info

    >