Ethereum 3
Indice Coin e Token

Ethereum

Cos’è Ethereum (ETH)?

Ethereum è un sistema blockchain open source decentralizzato che presenta la propria criptovaluta, Ether. ETH funziona come piattaforma per numerose altre criptovalute, nonché per l’esecuzione di contratti intelligenti decentralizzati.

Ethereum è stato descritto per la prima volta in un whitepaper del 2013 di Vitalik Buterin. Buterin, insieme ad altri co-fondatori, ha ottenuto finanziamenti per il progetto in una vendita pubblica online nell’estate del 2014 e ha lanciato ufficialmente la blockchain il 30 luglio 2015.

Il presunto obiettivo di Ethereum è quello di diventare una piattaforma globale per applicazioni decentralizzate, consentendo agli utenti di tutto il mondo di scrivere ed eseguire software resistente alla censura, ai tempi di inattività e alle frodi.

Chi sono i fondatori di Ethereum?

Ethereum ha un totale di otto co-fondatori, un numero insolitamente grande per un progetto crittografico. Si sono incontrati per la prima volta il 7 giugno 2014 a Zugo, in Svizzera.

Il russo-canadese Vitalik Buterin è forse il più noto del gruppo. È l’autore del white paper originale che ha descritto per la prima volta Ethereum nel 2013 e continua a lavorare per migliorare la piattaforma fino ad oggi. Prima di ETH, Buterin ha co-fondato e scritto per il sito web di notizie Bitcoin Magazine.

Il programmatore britannico Gavin Wood è probabilmente il secondo co-fondatore più importante di ETH, poiché ha codificato la prima implementazione tecnica di Ethereum nel linguaggio di programmazione C++, ha proposto il linguaggio di programmazione nativo di Ethereum Solidity ed è stato il primo chief technology officer della Fondazione Ethereum. Prima di Ethereum, Wood era un ricercatore presso Microsoft. Successivamente, è passato alla fondazione della Fondazione Web3.

Tra gli altri co-fondatori di Ethereum ci sono: – Anthony Di Iorio, che ha sottoscritto il progetto durante la sua prima fase di sviluppo. – Charles Hoskinson, che ha svolto il ruolo principale nella creazione della Fondazione Ethereum con sede in Svizzera e del suo quadro giuridico. – Mihai Alisie, che ha fornito assistenza nella creazione della Fondazione Ethereum. – Joseph Lubin, un imprenditore canadese, che, come Di Iorio, ha contribuito a finanziare Ethereum durante i suoi primi giorni, e in seguito ha fondato un incubatore di startup basato su ETH chiamato ConsenSys. – Amir Chetrit, che ha contribuito a fondare Ethereum ma si è allontanato da esso all’inizio dello sviluppo.

Cosa rende unico Ethereum?

Ethereum ha aperto la strada al concetto di piattaforma di smart contract blockchain. I contratti intelligenti sono programmi per computer che eseguono automaticamente le azioni necessarie per adempiere a un accordo tra più parti su Internet. Sono stati progettati per ridurre la necessità di intermediari affidabili tra gli appaltatori, riducendo così i costi di transazione e aumentando anche l’affidabilità delle transazioni.

La principale innovazione di Ethereum è stata la progettazione di una piattaforma che gli consentisse di eseguire contratti intelligenti utilizzando la blockchain, che rafforza ulteriormente i vantaggi già esistenti della tecnologia dei contratti intelligenti. La blockchain di Ethereum è stata progettata, secondo il co-fondatore Gavin Wood, come una sorta di “un computer per l’intero pianeta”, teoricamente in grado di rendere qualsiasi programma più robusto, resistente alla censura e meno incline alle frodi eseguendolo su un rete di nodi pubblici.

Oltre ai contratti intelligenti, la blockchain di Ethereum è in grado di ospitare altre criptovalute, chiamate “token”, attraverso l’uso del suo standard di compatibilità ERC-20. In effetti, questo è stato finora l’uso più comune per la piattaforma ETH: ad oggi sono stati lanciati più di 280.000 token conformi a ERC-20. Oltre 40 di queste fanno parte delle prime 100 criptovalute per capitalizzazione di mercato, ad esempio USDT, LINK e BNB.

Quante monete Ethereum (ETH) ci sono in circolazione?

Ad agosto 2020, c’erano circa 112 milioni di monete ETH in circolazione, 72 milioni delle quali sono state emesse nel blocco genesis, il primo blocco in assoluto sulla blockchain di Ethereum. Di questi 72 milioni, 60 milioni sono stati assegnati ai contributori iniziali alla vendita di massa 2014 che ha finanziato il progetto e 12 milioni sono stati dati al fondo di sviluppo.

Il restante importo è stato emesso sotto forma di ricompense in blocco ai minatori della rete Ethereum. La ricompensa originale nel 2015 era di 5 ETH per blocco, che in seguito è scesa a 3 ETH alla fine del 2017 e poi a 2 ETH all’inizio del 2019. Il tempo medio necessario per estrarre un blocco Ethereum è di circa 13-15 secondi.

Una delle principali differenze tra l’economia di Bitcoin ed Ethereum è che quest’ultimo non è deflazionistico, ovvero la sua offerta totale non è limitata. Gli sviluppatori di Ethereum lo giustificano non volendo avere un “budget di sicurezza fisso” per la rete. Essere in grado di regolare il tasso di emissione di ETH tramite consenso consente alla rete di mantenere l’emissione minima necessaria per un’adeguata sicurezza.

Come è protetta la rete Ethereum?

A partire da agosto 2020, Ethereum è protetto tramite l’algoritmo Ethash proof-of-work, appartenente alla famiglia di funzioni hash Keccak.

Ci sono piani, tuttavia, per la transizione della rete a un algoritmo proof-of-stake legato all’importante aggiornamento di Ethereum 2.0, lanciato alla fine del 2020.

Dopo che la catena di beacon di Ethereum 2.0 (fase 0) è stata attivata all’inizio di dicembre 2020, è diventato possibile iniziare a fare staking sulla rete di Ethereum 2.0. Una puntata di Ethereum è quando depositi ETH (che funge da validatore) su Ethereum 2.0 inviandolo a un contratto di deposito, fondamentalmente agendo come un minatore e quindi proteggendo la rete. Al momento in cui scriviamo a metà dicembre 2020, il prezzo della puntata di Ethereum, o la quantità di denaro guadagnata giornalmente dai validatori di Ethereum, è di circa 0,00403 ETH al giorno, o $ 2,36. Questo numero cambierà man mano che la rete si sviluppa e la quantità di staker (validatori) aumenta.

Le ricompense di staking di Ethereum sono determinate da una curva di distribuzione (la partecipazione e la percentuale media degli staker): alcune ricompense di staking di ETH 2.0 sono al 20% per i primi staker, ma verranno abbassate per finire tra il 7% e il 4,5% all’anno.

I requisiti minimi per una quota di Ethereum sono 32 ETH. Se decidi di puntare su Ethereum 2.0, significa che la tua puntata su Ethereum sarà bloccata sulla rete per mesi, se non anni, in futuro fino al completamento dell’aggiornamento di Ethereum 2.0.

Dove puoi acquistare Ethereum (ETH)?

Dato che Ethereum è la seconda criptovaluta più grande dopo Bitcoin, è possibile acquistare Ethereum o utilizzare coppie di trading ETH su quasi tutti i principali scambi di criptovalute.


AIUTACI A RAGGIUNGERE PIU' PERSONE POSSIBILI. Creare l'informazione libera ha un costo ed abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti. Potrai ACCEDERE SUBITO A 2380 VIDEO ESCLUSIVI grazie a 5 giorni di prova gratuita. CLICCA QUI ADESSO


Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info

>