Attualità e PoliticaRiflessioni

BREAKING NEWS: È morto un grande campione…un altro…

Ne è andato via un altro…

È morto Pelé all’età di 82 anni.
Si è spento ieri, giovedì 29 dicembre dopo una lunga malattia. Nel settembre 2021 gli era stato diagnosticato un tumore al colon, era stato operato ma a dicembre 2022, a distanza di un anno, le sue condizioni erano peggiorate: il campione non rispondeva più alle cure.
Non voglio polemizzare sul suo decesso e non voglio dichiarare che un eventuale vaccino anti “coviddi” potrebbe aver deteriorato irreversibilmente le sue condizioni cliniche, ma almeno permettetemi di spendere due parole sull’inutilità di certe cure ufficiali contro il cancro, imposte da protocolli medici mutuati dai dettami dell’OMS e dagli immensi interessi delle lobbies.
Cure “cosiddette ufficiali” sostenute da una scienza obsoleta, collusa e corrotta dai poteri forti e dalle sovvenzioni che essa riceve dalle aziende farmaceutiche.
Cure che talvolta deteriorano completamente lo stato clinico del paziente.
Ciò detto, voglio ricordarlo, invece, come un vero campione: vincitore di tre mondiali di calcio, nel 1958, nel 1962 e nel 1970. Voglio ricordarlo come il bomber che avrebbe meritato il pallone d’oro, senza per altro riceverlo, per aver realizzato in tutta la sua carriera 1281 reti.

Voglio ricordarlo per le sue incredibili gesta di uomo che ha dedicato la sua esistenza al calcio. Ora, caro campione, riposa in pace, ben sapendo che rimarrai nel cuore dei tuoi fedeli tifosi e sarai fonte d’ispirazione per le giovani generazioni.

Quelle che vorranno lottare per vincere e riuscire…non quelle che cercano la via breve e la soluzione facile.
Buon viaggio, CAMPIONE!
Anna
Aiutatemi a diffondere l’articolo con questo link:

AIUTACI A RAGGIUNGERE PIU' PERSONE POSSIBILI. Creare l'informazione libera ha un costo ed abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti. Potrai ACCEDERE SUBITO A 4280 VIDEO ESCLUSIVI ed i corsi sull’oro, criptovalute e la creazione della comunità grazie a 5 giorni di prova GRATUITA. CLICCA QUI ADESSO


18 comments

Numero 6 02/01/2023 at 12:14

Complimenti Anna!

ATur 03/01/2023 at 21:10

Grazie mille ragazzi!

Un abbraccio!

Anna

Marino Danielis 30/12/2022 at 14:18

Pelè, un gran campione: se non si fosse fatto inoculare “il vaccino benefico” forse a quest’ora sarebbe ancora con noi ….

ATur 01/01/2023 at 10:38

Grazie Marino!
Buon anno!
Anna

Numero 6 30/12/2022 at 11:18

Anna ottimo lavoro come sempre!

Roberta De Marchi 30/12/2022 at 14:04

Penso che il Mondo sia un Ospedale dove tutti cerchiamo di guarire l” Anima
Benedizioni e Buon Anno
Grazie per il Vostro impegno

ATur 01/01/2023 at 10:37

Grazie Roberta!
Buon anno!
Anna

ATur 01/01/2023 at 10:35

Grazie Ragazzi!!!
Buon anno!
Anna

ATur 03/01/2023 at 21:12

Grazie di ❤️ Roberta.

Gentilmente aiutami a diffonderlo con il seguente link:

https://numero6.org/attualita/breaking-news-e-morto-un-grande-campione-un-altro/?aff=annaturletti

Un caro saluto e alla prossima!

Anna

ATur 03/01/2023 at 21:14

Ciao ragazzi, grazie! 😉

Claudia 30/12/2022 at 10:07

Cara Anna, concordo pienamente sul discorso relativo al cancro, purtroppo ho vissuto questa esperienza con mio marito, se non avesse fatto la chemio e la radio, per altro inutili nel suo caso, sono convinta che avrebbe vissuto di più e sicuramente meglio.
Pelé è stato e resterà un grande campione eun grande uomo, non ha mai ostentato la sua bravura a differenza di tanti calciatori “prime donne” di oggi.

ATur 01/01/2023 at 10:35

Grazie Claudia!
Buon anno!
Anna

Sergio Salvelli 30/12/2022 at 09:51

Ricordo quel pomeriggio caldo dell’estate 1970 – Stadio Azteca Città del Messico – quando al 18′ del primo tempo ‘o Rei’ andava su in cielo e superava di testa segnando un bellissimo gol a Ricky Albertosi. Nonostante un speranzoso pareggio di Boninsegna dopo meno di 20 minuti, nel secondo tempo piove sulla rappresentativa italiana una tempesta di gol con autentici siluri di esterni e centrocampisti brasiliani. Fu la partita in cui Rivera fu schierato inutilmente sul 3-1 all’84°. Pur secondi in un campionato mondiale ben giocato fino alla finale, a 2000mt di quota, (con giocatori fumatori noti) all’aeroporto di Roma i nostri nazionali furono accolti da una folla inferocita, inutile dirvi che era una popolazione diversa e non mutata da cibi spazzatura e programmazione e condizionamento mentale dei media.
Pelé fu e sempre sarà un esempio di sportivo, rimarrà nei cuori dei tifosi e non di tutto il mondo. Grazie

Marino Danielis 30/12/2022 at 14:16

avrei voluto vedere se Rivera fosse stato schierato, come al solito, al primo minuto del secondo tempo come sarebbe finita la partita: non so ancora se è stato un errore di Valcareggi oppure se qualcuno lo ha dissuaso a mettere il campo il nostro campione perchè l’Italia non doveva vincere. Non lo sapremo mai.

ATur 01/01/2023 at 10:36

Grazie Sergio! Anche Alberto ha questi ricordi!
Buon anno!
Anna

ATur 03/01/2023 at 21:13

Grazie mille Sergio, un caro saluto e ancora buon anno!

Anna

angelo 30/12/2022 at 08:34

purtroppo queste “mala ttie” si creano dal momento che ti viene detto che ce l’hai….al di la di tutto ragionando su un piano causa -effetto noi inquiniamo e noi ci “amma liamo”. grazie per le tempestive notizie che ci dai 🙂

ATur 01/01/2023 at 10:36

Grazie Angelo,
Buon anno!
Anna

Scrivi un commento

Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info