Video Degli UtentiGratis

Cavie umane, cosa avrebbe fatto la Pfizer

In questo documentario Rai riportiamo questo fatto:”nel 1996, durante una devastante epidemia di meningite, un’èquipe della multinazionale statunitense Pfizer si reca a Kano in Nigeria e somministra a 200 bambini malati il Trovan, un farmaco sperimentale non ancora autorizzato dalla Food and Drug Administration. Dopo il test, undici di questi bambini muoiono; altri subiscono danni permanenti. Alcuni anni dopo, scoppia lo scandalo. Il documentario ripercorre questa vicenda a partire dai racconti dei superstiti, degli avvocati, di medici e infermieri nigeriani che hanno assistito al test e dei responsabili della Pfizer, incontrati nella sede di New York.”

Aumenta il Gas, l’elettricità, la benzina ed ormai anche il latte e la pasta. Ad Ottobre si parla già di nuovi lockdown e maggior controllo sociale. Io non ci sto ed è per questo motivo che ho deciso di lavorare nel digitale dove voglio, quando voglio e come voglio. Puoi farlo anche tu partecipando all'evento GRATUITO del 23 Giugno 2022 alle ore 19:30 Italiane.
CLICCA QUI ADESSO PER ISCRIVERTI

ARTICOLI CORRELATI

L’industria dei nini: chi vincerà la sfida?

Numero 6 Team

NOTIZA BOMBA : CNN: «Non allarmatevi» se le persone iniziano a morire dopo il nino

Igienista Mentale

Cosa c’è nel “Gino” della Pfizer?

Anonymous

Dottoressa Barbara Balanzoni asfalta Sileri!!

Anonymous

In Nigeria i bambini sono usati come cavie dai Big Pharma

Anonymous

Il CEO di Pfizer: Dovrete ricevere la terza dose

Morris San

12 comments

Dominic Kan 28/05/2021 at 07:22

La meningite, ovviamente, sarà stata provocata. Erano test per sviluppare quello che stiamo vivendo oggi. Ne sono convintissimo. Solo il buon Dio può salvarci…….!

Ariel 27/05/2021 at 09:38

Povere creature, figli genitori. Maledetti serpenti malvagi. Bisognerebbe fare quelle iniezioni a quei bastardi assassini.

1 2

Scrivi un commento

Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info