ApprofondimentiGratis

Di cosa abbiamo bisogno per comunicare a grandi distanze?

Andrea Amorese ci spiega come poter comunicare a grandi distanze e di cosa abbiamo bisogno.

GUARDA QUI L’INTERVISTA COMPLETA!

Aumenta il Gas, l’elettricità, la benzina ed ormai anche il latte e la pasta. Ad Ottobre si parla già di nuovi lockdown e maggior controllo sociale. Io non ci sto ed è per questo motivo che ho deciso di lavorare nel digitale dove voglio, quando voglio e come voglio. Puoi farlo anche tu partecipando all'evento GRATUITO del 23 Giugno 2022 alle ore 19:30 Italiane.
CLICCA QUI ADESSO PER ISCRIVERTI

ARTICOLI CORRELATI

Rifugiarsi in montagna e creare un network radiofonico

Morris San

6 comments

J.D'Italy 15/12/2021 at 01:54

Io ubriaco perso spiego meglio. 🤣 Faccio da solo. 😆

Willy 14/12/2021 at 22:42

Mi dispiace ma Andrea é esperto solo sulla 27 mhz (CB) io sono radioamatore con licenza e mi sento offeso da quello che dice !!! Il radioamatore può trasmettere in tutto il mondo su determinate frequenze esempio ci sono radioamatori italiani che tutte le mattine collegano i propri connazionali in Australia esempio 14mhz ,si potrebbe collegare il Costa Rica di pomeriggio sempre su 14mhz ! Si può avere una copertura di tutta Europa di giorno su 7mhz e una copertura di notte su 3,5mhz
I governi sono anche attrezzati per disturbare tutte le frequenze in primis quella (CB) hanno l’intelligenza artificiale in ascolto su tutte le frequenze, per questo serve che anche i radioamatori si riuniscono per mettere in campo delle strategie (segrete ) per eludere questa intelligenza ! esempio io riesco ha collegare tutt’Italia con segnali fortissimi 9+ ma non riuscirei a collegare Andrea che si trova a circa 300km da casa mia
Nulla toglie alla buona volontà di Andrea ma serve una strategia comune unire tutte le esperienze senza pensare che i Radioamatori siano Illici vale sempre la regola che siamo circondati del 97% di ritardati , per questo serve un appello per trovare radioamatori pensanti che potrebbero fare da ponte ripetitore anche Col Costa Rica e i resto del mondo😁

Morris San 14/12/2021 at 23:06

Grazie Willy per la tua segnalazione.
Meglio cosi. Ne avremo bisogno

Willy 14/12/2021 at 23:30

Morris sé trovi del tempo per fare due chiacchere sul tema ? Ti avevo già mandato una mail su numero6
[email protected]

carlo gc 15/12/2021 at 12:24

ha ragione willy. Negli anni ’70 facevo il Cb sui 27mhz, mi ricordo che avevo un amico il cui fratello era missionario in brasile e all’epoca praticamente non c’erano neppure i telefoni, si sentivano per lettera. Mi aveva chiesto di collegarsi col fratello. Serviva la licenza da radioamatore, bisognava studiare il codice morse e radiotecnica per ottenerla dopo un esame. Mi ci ero messo, ma poi ho abbandonato. Quindi le comunicazioni su lunga distanza sono possibili, io ho ancora una vecchia radio che prende tutte le frequenze , dalle onde lunghe , alle corte e alla FM, che usavo per sentire Voice of America per studiare inglese.

liudmila makaranka 14/12/2021 at 22:25

ciao Morris, il mio figlio ha il radio e uso già tanti anni anche per il lavoro, e si po’ parlare con tante paesi .C e la patente da anni e il suo nominativo ma voglio dire che serve una buona Antenna e buon radio

Scrivi un commento

Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info