Numero6.org
Video Degli Utenti Gratis

La censura colpisce ancora!

Oggi parliamo dell’ennesimo episodio di censura che ha colpito la community italiana di creators.
Come è stato più volte menzionato  nella piattaforma, Federico Pistoni, dopo la sua visione è stato censurato dal social network stesso.
Come riporta nel video, dopo la sua osservazione riguardante il social network TikTok ha deciso di chiudere il profilo di Federico.

Vi sembra un provvedimento corretto per accettare una critica o stanno nascondendo qualcosa?

Buona visione?

ARTICOLI CORRELATI

Il futuro è nelle carte: Come il gioco di Carte Illuminati predice esattamente cosa sta accadendo

Numero 6 Team

I 4 motivi per cui lo sviluppo della tecnologia può aiutare l’uomo

Numero 6 Team

Cosa devi sapere su “Il Nuovo Ordine Mondiale”

Numero 6 Team

Area 51: I fatti che hanno contribuito a creare il mito

Numero 6 Team

Usare TOR per navigare in internet in sicurezza

Numero 6 Team

La rete 5G: Cosa si nasconde dietro questa nuova tecnologia?

Numero 6 Team
  • Bimbiminkia e Bimbeminkia ci sono di tutte le età, dai teen agli over 40enni che elemosinano/implorano attenzioni a qualsiasi costo. Il danno maggiore che fanno questi socialmeRda è creare ed alimentare sopratutto insicurezza, invidia, rancori e odio. Insieme ai vari programmi spazzatura, tipo talkshow, reality ecc. Alimentano quella parte di energia psichica chiamata “corpo di dolore”. Una volta innescata si entra in un loop di cui è molto difficile avere consapevolezza ed uscirne.

  • …SAREBBE DA SEGUIRE ANCHE IN ITALIA…
    “Nba punta tutto sulla propaganda anti-razzista. E GLI ASCOLTI CROLLANO A PICCO.”…Los Angeles, 12 ott – Si è conclusa con la conquista del titolo da parte dei favoriti Los Angeles Lakers una delle stagioni più difficili nella storia della North American Basketball League (Nba), il campionato di basket professionistico americano. A complicare la situazione per gli organizzatori infatti non c’è stata solo l’emergenza Covid, che ha ritardato l’inizio dei play-off di quattro mesi, ma anche un inaspettato crollo degli ascolti.Calo di ascolti senza precedenti
    La terza partita della finale play-off tra Los Angeles Lakers e Miami Heat è stata seguita da 5,9 milioni di telespettatori americani, il dato peggiore dal 1982 quando le finali hanno cominciato ad essere trasmesse in diretta televisiva nazionale. E la crisi non si limita solamente alle partite di finale: secondo quanto riportato da The Athletic, il broadcaster più diffuso che trasmette la Nba negli Stati Uniti, le partite quest’anno hanno registrato un 45% di spettatori in meno sulla rete televisiva Abc (su Tnt il calo è del 40% e su Espn del 20%) rispetto a un’altra stagione ‘anomala’ come quella 2011-12, ridotta a 66 partite di stagione regolare (invece delle consuete 82) e cominciata con oltre due mesi di ritardo a causa di contrasti nel rinnovo del contratto collettivo tra società e giocatori. Non solo, gli ascolti tv registrati nella seconda parte di stagione sono anche più bassi rispetto alla prima parte, quella pre-Covid.
    LA POLITICIZZAZIONE PRO-BML NON PAGA…
    Cosa è successo al campionato di basket più spettacolare del mondo? Tutti i principali network sportivi statunitensi si sono ovviamente interrogati sul tema. A rendere meno appetibile il prodotto può essere stata l’assenza di pubblico sugli spalti e il contesto particolare, con i play-off interamente disputati in un palasport a Disney World in Florida. Così come può aver influito la concorrenza contemporanea, a causa dei ritardi imposti dal Covid, degli altri principali campionati sportivi americani (football, baseball e hockey), che tuttavia non hanno risentito del medesimo drastico calo della Nba. Ma è probabilmente un’altra la motivazione principale, ovvero l’eccessiva esposizione della Nba e di alcuni dei suoi più significativi giocatori a sostegno del controverso movimento Black Lives Matter.
    La iper-politicizzazione del campionato è cominciata con lo sciopero dei giocatori in seguito al ferimento da parte della polizia dell’afroamericano Jacob Blake, proseguendo con le proteste durante l’inno nazionale eseguito prima di ogni partita. La Nba decide di accogliere le richieste degli atleti (o meglio di una loro parte, visto che alcuni si sono rifiutati di prendere parte a queste sceneggiate) permettendo di apporre messaggi anti-razzisti sulle maglie da gioco e dipingendo sul parquet la sigla “Black Lives Matter”.
    Ritorno alla normalità nella prossima stagione
    Tutta questa STRUMENTALIZZAZIONE POLITICA ha senza dubbio infastidito buona parte dei telespettatori, sicuramente quelli di tendenza repubblicana ma anche molti semplici appassionati di sport. Tra i sostenitori più fanatici dei Blm vi è la stella dei Lakers, LeBron James, che spesso ha duramente attaccato il presidente americano Trump e al quale The Donald ha recentemente risposto per le rime durante uno show televisivo: “LeBron è un portavoce dei democratici. Un portavoce molto cattivo. Anche perché, ancora una volta, io ho fatto tanto per la comunità nera. Lui è un grande giocatore di basket, ma le persone non vogliono vedere un ragazzo esporsi in quel modo. Non vogliono vederlo. Abbiamo già abbastanza difficoltà durante la settimana, la gente non si vuole sedere sul divano per guardare una partita di basket e poi vedere qualcuno che odia le persone. E LUI ODIA”.
Anche i vertici Nba sembrano essersi resi conto del passo falso commesso. Il commissioner della lega Adam Silver, recentemente intervistato dal New York Post, si dice dubbioso che nella prossima stagione i giocatori potranno ancora indossare messaggi anti-razzisti sulle loro maglie e che il logo Blm non dovrebbe essere sui parquet delle arene.”

    https://www.ilprimatonazionale.it/sport/nba-punta-propaganda-anti-razzista-ascolti-crollano-picco-170545/

  • Tutto comincia dal disastro dell’educazione a scuola, passando attraverso genitori assenti che mollano i figli davanti alla TV, per arrivare ai social network, che sono il naturale sbocco per menti fragili e bisognose di quelle attenzioni che non hanno mai ricevuto. Il dramma è che la rete viene scambiata per la realtà ed è poi molto facile per il sistema manipolare questi poveretti…

  • Un giovane pensante. Interessante. Sarebbe quasi da tutelare come patrimonio dell’umanità per quanto è raro ormai incontrarne qualcuno. In America Trump ha bannato Tik Tok in Italia ovviamente…nemmo lo scrivo che risparmio la tastiera.

  • La gioventù di adesso è tutta iperattiva con deficit di attenzione.
    Userò i tuoi video per spiegare a mia figlia e non solo, come funziona.
    Riusciresti a fare un video specifico, diretto ai ragazzini 10/14 anni? Come esiste l educazione al cyber bullismo, perché non fare dei video diretto ai giovanissimi?

  • Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info

    Would you like to receive notifications on latest updates? No Yes
    >