Riflessioni

NEMICO N.1: “DIVANISTI” contro “MANIFESTISTI”

NEMICO N.1: “DIVANISTI” contro “MANIFESTISTI”

Buona sera.
Voglio sottoporvi questa mia personale riflessione.

In questi giorni (ma ormai succede da un pò di tempo) noto con dispiacere che anche coloro che lottano per chiedere l’abolizione del green pass e dell’obbligo vaccinale per alcune categorie, sono disuniti e iniziano ad accusarsi reciprocamente.

Faccio alcuni esempi. Chi sostiene Nunzia Schilirò è una “gate-keeper”, in quanto la vice questore di Roma è stata da alcuni ritenuta parte del sistema. Oppure, chi non la sostiene è un “mentecatto o un pazzo” che non comprende la realtà circostante. Veniamo poi alla figura di Stefano Puzzer. Idem. Stesso tipo di ragionamento tra chi lo sostiene e chi no. La stessa cosa si verifica per chi va a manifestare e chi invece inveisce dal divano di casa, dichiarando che coloro che vanno a manifestare sono dei trogloditi.

ALT.

Forse chi continua a sparare addosso agli altri, non ha capito e non conosce le tecniche di guerra e della manipolazione delle masse. Queste, è vero, prevedono la “creazione e presentazione in pubblico” di individui per focalizzare e deviare verso un dissenso controllato, ma soprattutto portano alla DIVISIONE o POLARIZZAZIONE e per di più alla FRAMMENTAZIONE del fronte degli avversari, cioè della gente.

Vi spiego in termini pratici. Prima sono stati “creati” da regime i cosiddetti “No vax” (e quindi anche i “Si vax), poi i “No Mask” (e quindi anche i Si Mask), infine i “No Green pass” (e quindi anche i “Si green Pass”). Continue divisioni. L’azione del “sistema deviato” ha quindi creato sottodivisioni, con “No vax – No mask” contro “No vax – Si mask” e via via così. Questa tecnica, nota dall’antichità con il nome latino di “Divide et impera”, porta quindi la “polverizzazione” del fronte avversario creando in volta in volta nuovi personaggi che suddividono il fronte con litigi interni.

Oggi abbiamo per esempio “No green pass – Si Puzzer – Sì Schilirò”    CONTRO

                                                  “No green pass – Si Puzzer – No Schilirò”  CONTRO

                                                  “No green pass – No Puzzer – No Schilirò” etc. etc. etc.

Insomma componete voi, tutte le combinazioni possibili e immaginabili e avrete capito bene il meccanismo, con il forte dubbio che chi fa certe affermazioni voglia creare nuove divisioni.

E ora, per giunta, esiste ormai un’ulteriore divisione tra “Manifestisti” e “Divanisti“.

Intanto il regime fa andare avanti nuove ingiustizie sotto i vostri occhi e sotto il vostro naso. Provate a ragionarci sopra.

ORA BASTA.

I problemi appena descritti, non rappresentano il fulcro del nostro dissenso. Non riguardano i nostri veri nemici e noi non dobbiamo lottare contro chi sostiene, o contro chi non sostiene una determinata persona, azione o situazione. Non è questo il nostro obiettivo, come non lo è il fatto di lottare contro chi sostiene o meno Puzzer, o contro chi manifesta e chi no. Ognuno di noi può avere una visione differente della realtà. Una realtà complessa e articolata, costituita da tante sfumature e frammenti di verità sparsi ovunque. La questione, qui, non è odiare, considerare troglodita o in malafede chi è a favore della Schilirò, rispetto ad un altro che non lo è, e di conseguenza dare etichette gratuite di gate-keeper a chiunque, solo perché non ha la nostra stessa identica visione della realtà e/o opinione.

L’ attuale NEMICO n.1, contro cui si deve combattere, è rappresentato dal nostro governo e dai nostri organi “istituzionali” deviati, che ogni giorno stanno stringendo di più il cappio per rendere obbligatori ed estendere a tutti il green pass o, meglio ancora, la vaccinazione. È con questi che dobbiamo essere arrabbiati ed è contro questi enti che dobbiamo lottare e non contro chi sostiene una persona, anziché un’altra. Tra l’altro, nessuno, ma proprio nessuno ha prove inconfutabili ed evidenti per affermare con assoluta certezza che Schilirò o Puzzer siano in buona o cattiva fede. Con questo non li sostengo: sospendo il giudizio. Solo il tempo ci dirà chi aveva ragione e chi no.

Ma quello che noi dobbiamo fare, ora più che mai, è stare uniti tra di noi e proporre strategie e soluzioni per far saltare questo maledetto green pass e questo malefico regime, siano esse azioni di manifestazioni, disobbedienze, dissensi e quant’altro.

Questa è la nostra UNICA e UNITA battaglia. Non ce ne sono altre.
Uniti si vince, divisi si perde. Buona battaglia a tutti e… alzatevi dal divano

Passo e chiudo!

Anna

AIUTACI A RAGGIUNGERE PIU' PERSONE POSSIBILI. Creare l'informazione libera ha un costo ed abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti. Potrai ACCEDERE SUBITO A 3280 VIDEO ESCLUSIVI ed i corsi sull’oro, criptovalute e la creazione della comunità grazie a 5 giorni di prova GRATUITA. CLICCA QUI ADESSO


ARTICOLI CORRELATI

TG6: Il senatore Pino Cabras, Bolsonaro e i VAK-cini Killer!

ATur

TG6 SPECIALE: DIMETTETEVI! DRAGHI e complici contro TRIESTE!

ATur

TG6 SPECIALE: Trieste e il porto VIOLATO

ATur

TG6: La lista dei medici “venduti”

ATur

TG6 Speciale: Da Trieste a Roma: l’uomo con il tavolino

ATur

TG6 SPECIALE: Ancora violenze a Trieste! 6-11-2021

ATur

38 comments

Aurelia Salis 22/11/2021 at 20:39

Assolutamente d’accordo con te come sempre Anna, Complimenti per la professionalità e l’onestà intellettuale

Lilly G. 20/11/2021 at 01:53

Ciao Anna. Chiarissimo! Baci.

ATur 20/11/2021 at 11:03

Ciao Lilly, grazie!😘

Tom Barkley 19/11/2021 at 18:48

Eppure hai rivelato tutto. Se ci fosse unione sarebbe semplice, il problema è proprio questo: trovare un trait d’union…….e il governo va avanti

ATur 19/11/2021 at 19:53

Ciao Tom, il problema e’ proprio quello: l’unione. Quasi nessuno disobbedisce e pochi manifestano. Le due cose vanno in simbiosi ma i numeri non esistono. Eppure io, sara’ in almeno 20 video che ribadisco, e c’e’ scritto a caratteri cubitali, “disobbedire, dissentire e diffondere la verita’. Risultato: zero. Siamo qui a spararci se Schiliro’ si oppure no, Puzzer si oppure no, se manifestare si oppure no. A me interesserebbe che molti iniziassero a TRASFORMARE le loro lamentele, in azioni concrete, ma constato che le persone che fanno cio’, sono POCHE. In realta’ ognuno di noi puo’ disobbedire e manifestare il proprio dissenso, scegliendo il modo che meglio ritiene, senza la presenza di un leader. Ognuno di noi e’ il leader di se’ stesso. Diciamo che ormai anche fare i telegiornali a me pare che non abbia piu’ alcun senso: uno per l’impegno che ci metto e due per gli apparenti e scarsi risultati che ottengo. Un caro saluto e comunque sia, non mollare. Nel proprio piccolo ognuno puo’ cambiare ancora qualcosa. Anna

luigi landini 20/11/2021 at 01:13

I tuoi TG non hanno senso per chi si lascia trasportare verso l’informazione spazzatura offerta da questo regime

Non sei l’unica ad essere stanca , come te così molti altri

L’unione completa o se preferisci la perfetta sintonia con tutto il 3 % è praticamente impossibile

Ma siamo “TUTTI” contro questa dittatura e questo è il fattore principale che ci accomuna

Proprio tu hai scritto “non mollare”

Occorre avere Pazienza , continuiamo a fare del nostro meglio , andiamo avanti senza mai arrenderci , continuiamo a lottare …….. un giorno potremo vedere il risultato di quanto è stato fatto

E’ l’unico modo per opporci

Mai arrendersi !

Ciao Anna e Grazie anche per il tuo impegno

ATur 20/11/2021 at 11:05

Ciao Luigi, grazie 🙏 oggi esce il tg…🤣😅😘

Tom Barkley 20/11/2021 at 12:12

Ciao Anna, io l’ho fatto e mi sono preso segnalazioni, discussioni (nn mi spaventano), ma quando sei solo o la minoranza puoi provare a resistere il più possibile ma poi è la maggioranza inetta e inconsapevole cooperante con il governo a spazzare via la minoranza dissidente (questa già è la prova di come venga smontato il mito della democrazia, vabbè sorvoliamo). Cercare di svegliare la gente veramente è troppo complicato, è più facile prendere una laurea in medicina con il suo volume di informazione elevato, giurisprudenza e sociologia in contemporanea (la butto lì) oppure comprendere la fisica quantica piuttosto che cercare di svegliare questi inconsapevoli, illici i quali amano il loro oppressore. Sono riusciti in questo grazie al relativismo che però in qualche modo sono riusciti a far confluire nel pensiero unico dominante. Sembra di vivere un incubo e mix perfetto di medioevo (mascherine, mordacchie medievali le quali azzerano la personalità dell’individuo, sembra di partecipare ad un rituale massonico su scala globale o quasi, oltre a tappare la bocca e strumento di schiavitù imposta o autoimposta), esperimenti di mengeliana memoria (nini) finalizzati alla zombificazione della società combinato a MK-ULTRA con protocolli da istituto Tavistock.

ATur 21/11/2021 at 01:16

mi sa che tu abbia ragione… e’ piu’ facile studiare medicina o ingegneria… comunque sia ci provo, al massimo… Amen!

Cris 19/11/2021 at 15:10

Grazie Anna, sempre precisa, logica e onesta!!! Ce ne fossero come te!!! Un abbraccio

ATur 19/11/2021 at 17:15

Dovere Cris, grazie a te!
E vedo anche che trattare ieri questi argomenti, ha dato pure lo spunto a Morris per il suo Medley di oggi.
Ne sono contenta.
Propaghiamo il concetto della disobbedienza totale, che è L’ ARMA. Gandhi docet.
Continua a seguirmi e aiutami a diffondere questo articolo con questo esatto link:
https://numero6.org/influencers/riflessioni/nemico-n-1-divanisti-contro-manifestiti/comment-page-1/?aff=annaturletti

Un caro saluto e a presto
Anna

1 2

Scrivi un commento

Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info