Nuovo Ordine Mondiale

Chi controlla il mondo? Ecco svelato il suo nome

Chi controlla il mondo? Ti sei mai chiesto cosa dicono i media degli altri paesi? Sarai sorpreso, o forse no, di sapere che dicono tutti le stesse cose. Perché? Tutte le più grandi corporazioni del mondo sono riconducibili ad un solo nome… Questo articolo – e il documentario – ti spiegano esattamente chi c’è dietro al controllo dell’informazione, quali siano i suoi interessi economici e perché ormai tutto il mondo sia di proprietà di una sola organizzazione. Il video riporta fonti verificate e video ufficiali in modo da spiegarti esattamente come è stato scoperto chi controlla il mondo e perchè è importante saperlo. Condividi il documentario in modo che quante più persone possibili possano sapere la verità!

Chi controlla il mondo: la situazione economica attuale

Allora, cari amici, lo so che anche voi percepite qualcosa di sbagliato nella situazione attuale. Ma penso anche che le tante teorie del complotto infondate possano avervi fatto prendere le distanze sia da chi le diffonde sia dall’allarmismo mediatico. Spero che mi ascolterete per un momento. Mentre leggete questo articolo centinaia di milioni di persone in tutto il mondo stanno cadendo in povertà. La causa sono le misure restrittive in vigore ormai da 2 anni. E anche se la più grande crisi economica che abbiamo mai sperimentato potrebbe non avervi ancora colpito personalmente, è solo questione di tempo prima che gli effetti raggiungano anche voi e i vostri cari. Questo non è allarmismo, ma la dura realtà. Penso anche che possiamo limitare i danni e persino trarne beneficio, se siamo correttamente informati sulla situazione attuale. Pertanto, vorrei mostrarvi alcuni fatti facilmente verificabili che ritengo essenziali.

Chi controlla il mondo: le mega corporazioni

Le mega corporazioni che dominano ogni aspetto della nostra vita si contano sulle dita di una mano. Può sembrare un’esagerazione, ma dalla colazione in tavola la mattina al materasso su cui dormiamo la notte, tutto ciò che facciamo, indossiamo o consumiamo, dipendono in gran parte da queste Corporazioni. Si tratta di società di investimento di proporzioni immense, che gestiscono i maggiori flussi di denaro sulla Terra. Sono le protagoniste dello spettacolo a cui stiamo assistendo. Per non farti perdere troppo tempo, ho riassunto le informazioni più importanti. Prendiamo ad esempio un’azienda come PepsiCo, che è la casa madre di molte delle bibite e degli snack più popolari al mondo. Sembrano esserci molti marchi concorrenti, ma provengono tutti dalle fabbriche di un piccolo numero di aziende che insieme hanno il monopolio del settore. All’interno dell’industria alimentare confezionata ci sono una serie di altre importanti aziende come Unilever, la Coca-Cola Company, Mondelez e Nestlé. Molti dei marchi noti nell’industria alimentare confezionata appartengono a una di queste società. Potete facilmente ottenere questo tipo di informazioni. Potete verificarlo sui siti web dei loro marchi pertinenti o su Wikipedia.

Società e azionisti

Le società di queste dimensioni sono generalmente quotate in borsa e hanno un consiglio di amministrazione in cui i maggiori azionisti dettano legge. Su siti Web come Yahoo Finance, possiamo trovare informazioni dettagliate sulle società, incluso chi sono i loro maggiori azionisti. Prendiamo di nuovo PepsiCo come esempio. Vediamo che 73.14% delle azioni sono detenute da 3379 investitori istituzionali. Questi includono società di investimento, fondi comuni di investimento, compagnie assicurative, banche e, in alcuni casi, governi. Diamo un’occhiata a chi siano i maggiori investitori istituzionali di PepsiCo. Solo 10 dei 3379 investitori rappresentano quasi 1/3 di tutte le azioni. Il capitale azionario combinato di questi primi 10 ha un valore di circa 60 miliardi di dollari. Ma di quei 10 investitori, 3 possiedono più azioni dei restanti 7. Tieni in mente i loro nomi e vediamo chi possiede la maggior parte delle azioni della Coca-Cola, la grande concorrente della Pepsi. Vediamo che proprio come con PepsiCo, la maggioranza delle azioni è detenuta da investitori istituzionali.

Chi controlla il mondo? I nomi dei maggiori investitori

Diamo un’occhiata ai maggiori investitori. 4 di questi investitori istituzionali li abbiamo già visti anche tra quelli di PepsiCo. Questi sono Northern Trust, JP Morgan Chase, Geode Capital Management e Wellington Management. Ora diamo un’occhiata ai quattro maggiori azionisti: tre di questi li abbiamo già visti tra quelli di PepsiCo. Sono BlackRock, Vanguard e State Street, e ce n’è un altro: Berkshire Hathaway. Queste sono le quattro più grandi società di investimento del pianeta. Quindi PepsiCo e Coca-Cola sono tutt’altro che concorrenti. Anche le altre grandi aziende che possiedono molti marchi, come Unilever, Mondelez e Nestlé, sono di proprietà dello stesso piccolo gruppo di investitori istituzionali.

Le grandi aziende del settore tecnologico

Non trovi questi nomi solo nell’industria alimentare confezionata. Ad esempio, cerchiamo su Wikipedia quali sono le più grandi aziende del settore tecnologico. Facebook possiede Whatsapp e Instagram. Insieme a Twitter, formano le piattaforme di social media più popolari nel mondo. Alphabet è la società madre di tutte le attività di Google, inclusi YouTube e Gmail, ma sono anche i maggiori sponsor e sviluppatori di Android: uno dei due sistemi operativi su cui girano quasi tutti gli smartphone e i tablet del mondo. L’altro sistema operativo è iOS di Apple. Infine, se aggiungiamo Microsoft alle altre, vediamo che 4 aziende producono i software da cui dipendono quasi tutti i computer, tablet e smartphone del mondo.

Chi possiede le azioni dei big della tecnologia?

Vediamo chi possiede la maggior parte delle azioni di queste potenti società. Se guardiamo Facebook, vediamo che oltre l’80% delle azioni è di proprietà di investitori istituzionali. Questi sono gli stessi nomi che abbiamo visto nell’industria alimentare. Ancora una volta, troviamo gli stessi investitori al vertice. Vediamo adesso Twitter. Sorprendentemente, scopriamo che anche Twitter è di proprietà degli stessi investitori. Li vediamo anche con Apple, ma anche con il loro grande concorrente Microsoft. Quando guardiamo a tutte le altre aziende che dominano il settore tecnologico e costruiscono i nostri computer, TV, smartphone ed elettrodomestici, vediamo gli stessi grandi investitori che possiedono la maggioranza delle azioni. Lo vediamo in tutti i settori del mondo e, solo per mostrarti che non sto esagerando, ti darò un altro esempio.

Chi controlla il mondo? Gli investitori nel settore viaggi e turismo

Diciamo che vogliamo pianificare una vacanza.  Sul nostro computer o smartphone cerchiamo un volo economico per un posto al caldo attraverso siti come Skyscanner ed Expedia, entrambi appartenenti allo stesso gruppo di investitori istituzionali. Voliamo con una delle tante compagnie aeree la cui maggioranza delle azioni è spesso di proprietà degli stessi investitori, o di governi, come Air France KLM. L’aereo su cui voliamo è nella maggior parte dei casi un Boeing o un Airbus. Ancora una volta, vediamo gli stessi nomi. Cerchiamo un hotel o un appartamento tramite Booking.com o Airbnb.com. Una volta arrivati ​​a destinazione, poi, scriviamo una recensione su Trip Advisor. Gli stessi investitori sono alla base di ogni aspetto del nostro viaggio, e la loro forza va ben oltre, perché anche il kerosene che alimenta l’aereo proviene da una delle loro numerose compagnie petrolifere e raffinerie. Proprio come l’acciaio di cui è fatto l’aereo che proviene da una delle loro tante compagnie minerarie.

Gli stessi nomi in tutti i settori

Questo piccolo club di società di investimento, banche e fondi comuni di investimento sono anche i maggiori azionisti delle industrie primarie da cui provengono le materie prime. Se cerchiamo su Wikipedia le più grandi compagnie minerarie del mondo vediamo che i loro azionisti sono gli stessi investitori istituzionali che vediamo ovunque. Lo stesso vale per le più grandi aziende agricole del mondo, da cui dipende tutta la nostra industria alimentare. Ad esempio, possiedono Bayer, la società madre della Monsanto; il più grande produttore di semi al mondo, che produce il 90% di tutti i semi di cotone sulla terra, così come la maggior parte di tutti gli altri semi. Ma questi investitori istituzionali sono anche gli azionisti delle più grandi aziende manifatturiere tessili del mondo, e anche i numerosi e popolari marchi di abbigliamento che trasformano il cotone nei vestiti che indossiamo sono di proprietà dello stesso gruppo di investitori. Sia che prendiamo i maggiori produttori di pannelli solari al mondo o le più grandi raffinerie di petrolio, le azioni sono sempre gestite dalle stesse società. Possiedono le aziende produttrici di tabacco che producono tutti i marchi più diffusi al mondo. Ma possiedono anche tutte le maggiori aziende dell’industria farmaceutica e gli istituti scientifici che producono i farmaci. Possiedono le aziende che producono i nostri metalli e le nostre materie prime e l’intera industria automobilistica, aeronautica e delle armi in cui vengono impiegati tali metalli e materie prime. Hanno il controllo delle aziende che costruiscono i nostri dispositivi elettronici. Possiedono i grandi magazzini, i marketplace online e persino i metodi di pagamento che utilizziamo per pagare i loro prodotti.

E’ solo la punta dell’iceberg

Poiché voglio mantenere il mio articolo il più breve possibile, ho deciso di mostrare solo la punta dell’iceberg. Se deciderete di indagare per conto vostro, utilizzando le fonti che avete appena visto, scoprirete che anche molte delle più note compagnie assicurative, banche, imprese edili, compagnie telefoniche, catene di ristoranti e marchi di cosmetici sono di proprietà degli stessi investitori istituzionali che abbiamo appena visto.

La “piramide” degli investitori

Questi investitori istituzionali sono, come vi dicevo prima, principalmente società di investimento, banche e assicurazioni. Sono a loro volta di proprietà di azionisti. Ora, qual è la cosa più sorprendente? Tutti questi investitori istituzionali possiedono le azioni degli altri e insieme formano un’immensa rete che possiamo paragonare a una piramide. Gli investitori istituzionali più piccoli sono di proprietà di investitori più grandi che a loro volta appartengono a investitori ancora più grandi.

La cima della piramide: Vanguard e Black Rock

La parte superiore visibile di questa piramide è costituita solo da due società e ormai abbiamo visto i loro nomi molte volte. Parliamo di Vanguard e Blackrock. Il potere di queste due società è qualcosa che possiamo a malapena immaginare. Non solo sono i più grandi investitori istituzionali di ogni grande azienda sulla Terra, ma possiedono anche gli altri investitori istituzionali di quelle aziende, dando loro un monopolio completo. Secondo un rapporto di Bloomberg, una delle istituzioni più rispettate al mondo nel campo dei dati finanziari, gli esperti prevedono che entro il 2028 entrambe le società gestiranno collettivamente circa 20 trilioni di dollari di investimenti, e nel processo entreranno in possesso di quasi tutto sulla Terra.

BlackRock: il quarto braccio di Governo

Lo stesso Bloomberg ha chiamato BlackRock il quarto braccio di governo perché è l’unico ente non governativo che ha uno stretto rapporto con le banche federali, chiamate anche banche centrali. Blackrock non solo presta denaro alle banche federali, ma è anche il loro principale consulente e sviluppatore del sistema informatico utilizzato dalle banche federali. Decine di dipendenti BlackRock hanno ricoperto posizioni di rilievo alla Casa Bianca durante le amministrazioni Bush e Obama, e attualmente sotto Joe Biden. Il CEO di BlackRock, Larry Fink, è un ospite gradito da molti capi di stato e politici. È il volto dell’azienda che tira le fila. Eppure, Larry Fink non tira i fili da solo. In effetti, la stessa BlackRock è di proprietà di azionisti, e se guardiamo chi sono quegli azionisti, arriviamo a una strana conclusione. Vediamo che il maggiore azionista di BlackRock è proprio Vanguard, ed è qui che si fa buio. Vanguard stesso ha una struttura unica che rende impossibile vedere chi sono i suoi azionisti o clienti. L’élite che possiede Vanguard vuole nascondere chi sono i proprietari della compagnia più potente della Terra. Ma ovviamente, questo non è un segreto per coloro che sono disposti ad esaminarlo. I rapporti di Oxfam e Bloomberg mostrano che 1% della popolazione mondiale possiede collettivamente più soldi dell’altro 99%. In effetti, sostiene Oxfam, ben l’82% di tutti i soldi guadagnati nel 2017 sono andati a questo 1% di persone. Naturalmente, coloro che possiedono l’azienda più potente della Terra sarebbero anche i più ricchi di questo 1%. In altre parole, fanno parte dello 0,001%.

Chi controlla il mondo? Questione di famiglia

Forbes, la rivista economica più conosciuta al mondo, sostiene che a marzo 2020 c’erano circa 2075 miliardari. Se ti interessa puoi leggere la lista di Forbes dei milionari della terra, aggiornata in tempo reale. Il rapporto di Oxfam ha mostrato che i due terzi di tutti questi miliardari hanno ottenuto la loro fortuna attraverso eredità e monopoli. Quindi questo significa che Vanguard è nelle mani delle famiglie più ricche della Terra. Se studiamo la loro storia, scopriamo che queste famiglie sono sempre appartenute al vertice della piramide, alcune anche ben prima dell’inizio della rivoluzione industriale. Voglio sottolineare che molte di queste famiglie sono di discendenza reale e sono i fondatori del nostro sistema bancario, delle Nazioni Unite e di ogni industria del mondo. Queste famiglie non hanno mai perso il loro potere, ma a causa dell’aumento della popolazione mondiale, sono state costrette a nascondersi dietro società di investimento come Vanguard, i cui maggiori azionisti sono i fondi privati e le organizzazioni senza scopo di lucro di queste famiglie.

Le organizzazioni no profit di chi controlla il mondo

Per rendere più chiaro il quadro generale ho bisogno di spiegare brevemente qualcosa su queste organizzazioni senza scopo di lucro. Questi sono i collegamenti che ci sono tra la comunità imprenditoriale, la politica e i media, creando grandi conflitti di interesse. A prima vista, tuttavia, questo non è troppo evidente. Le organizzazioni senza scopo di lucro, chiamate anche fondazioni, sono organizzazioni che si basano su donazioni e non devono pubblicare da chi ricevono tali donazioni. Possono investire questo denaro in quello che vogliono e non devono pagare le tasse sui loro profitti, purché tali profitti vengano reinvestiti in altri progetti in cui sono coinvolti. Le organizzazioni no profit possono trasferire centinaia di miliardi di dollari da investitori invisibili. Secondo un rapporto del governo australiano questo rende le organizzazioni senza scopo di lucro ideali per finanziare gruppi terroristici e riciclare ingenti somme di denaro. Nel caso volessi farti un’idea, questo è il report originale. Le fondazioni e i fondi delle famiglie più alte nella gerarchia dell’1% si nascondono il più possibile dietro le quinte. Tuttavia, per i casi che hanno molta pubblicità e attenzione, utilizzano le fondamenta di famiglie filantropiche più basse nella classifica, ma anche estremamente facoltose.

Le tre fondazioni no profit più importanti al mondo

Per essere breve, evidenzierò solo le tre fondazioni più importanti al mondo che collegano tra loro tutte le industrie del mondo. Queste sono la Fondazione Bill & Melinda Gates, la Fondazione Open Society del controverso multimiliardario George Soros, e la Fondazione Clinton. Una brevissima introduzione per darvi un’idea delle dimensioni di questi tipi di fondazioni. Secondo il sito web ufficiale del World Economic Forum, The Gates Foundation è il più grande finanziatore dell’Organizzazione mondiale della sanità, dopo che il presidente Donald Trump ha fermato il finanziamento dell’OMS da parte degli Stati Uniti nel 2020. Ciò rende The Gates Foundation una delle organizzazioni più influenti al mondo nell’area di tutto ciò che riguarda la nostra salute. La Gates Foundation ha una stretta collaborazione con le 16 più grandi aziende farmaceutiche del mondo, tra cui Pfizer, Astra Zeneca, Johnson and Johnson, BionTech e Bayer. Abbiamo appena visto chi possedeva la maggior parte delle azioni di queste società. Bill Gates era tutt’altro che un povero nerd che è diventato a una delle persone più ricche del mondo, ma proveniva da una famiglia di filantropi che, proprio come lui, lavorava per l’élite assoluta. Bill è il fondatore di Microsoft, di proprietà di Blackrock, Vanguard e, fino a poco tempo fa, Berkshire Hathaway. Ma allo stesso tempo, The Gates Foundation è il maggiore azionista, dopo BlackRock, Vanguard e State Street, a Berkshire Hathaway, dove è stato anche nel consiglio per un po’. Parleremmo per ore se dovessimo considerare tutto ciò in cui sono coinvolte The Gates Foundation, The Open Society Foundations di George Soros e la Clinton Foundation, ma poiché ci collegano al prossimo argomento e agli eventi attuali, questa breve introduzione è stata importante.

Perché i media non parlano di chi controlla il mondo?

Penso che il prossimo argomento dovrebbe iniziare con una domanda. Una persona a caso come me, con pochissima esperienza nell’editing video, che usa un vecchio laptop, può in 20 minuti di ricerca realizzare che solo due aziende hanno il monopolio totale su tutte le industrie del mondo. Quindi la domanda che sorge spontanea è: perché non hai sentito parlare di tutto questo sui media? Ogni giorno abbiamo la possibilità di scegliere tra innumerevoli reportage, documentari e programmi televisivi, eppure nessuno di loro ne parla. È qualcosa di non abbastanza interessante o potrebbero esserci altri interessi in gioco? La risposta la riceviamo ancora da Wikipedia.

Chi controlla i media?

Circa il 90% dei media internazionali sono di proprietà di nove conglomerati. Le società di proprietà di questi conglomerati sono troppe da menzionare, quindi ti mostrerò solo i marchi più importanti che tutti conosciamo. ViacomCBS è la società madre di tutti i canali CBS, Paramount, MTV, Comedy Central, Nickelodeon, Five e Australian Ten. Indovina chi sono i maggiori azionisti di ViacomCBS. Prima di esaminare gli altri grandi conglomerati, non dimentichiamo di menzionare i nostri potentissimi monopolisti di streaming Netflix e Amazon Prime, entrambi appartenenti agli stessi azionisti. Poi AT&T, che è la società madre di Warner Brothers, HBO, Discovery Channel, CNN, Cartoon Network, TNT, DC e molti altri noti marchi. Indovina chi sono i maggiori azionisti di AT&T? Il terzo è l’onnipotente News Corp. Questa società possiede molti dei più noti giornali regionali nazionali, riviste e canali TV negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia. Le azioni di News Corp sono di proprietà del multimiliardario americano Rupert Murdoch e degli investitori istituzionali che vediamo ovunque. La consociata di News Corp è Fox Corporation, che è anche uno dei più potenti conglomerati mediatici sulla Terra, proprio come News Corp è di proprietà della famiglia Murdoch e dei soliti investitori. Poi la Walt Disney Company, un conglomerato di dimensioni inimmaginabili, con molte filiali come Pixar, Marvel, 20th Century, Lucas Film, ABC, National Geographic e Hulu. Un altro potente conglomerato dei media è Comcast. Questa è la società madre di NBC, DreamWorks, Universal, The Sky Group, Focus Features, Xfinity e molti altri importanti marchi di media. Chi sono i maggiori azionisti? Come ci si aspetterebbe, sono sempre Vanguard e BlackRock. Potrei andare avanti per ore e mostrare che in quasi tutti i paesi della Terra i media locali sono nelle mani di questo tipo di conglomerati e, quindi, di chi controlla il mondo. Questi ultimi, a loro volta, sono di proprietà dei nostri investitori istituzionali o di famiglie d’élite estremamente ricche e potenti.

I media nazionali

L’influenza capillare di chi controlla il mondo si estende anche alla stampa nazionale. Nel Regno Unito, ad esempio, praticamente tutti i giornali e le riviste popolari sono di proprietà del Daily Mail Group, Reach nella summenzionata News Corp. Nei Paesi Bassi, l’intero media è nelle mani del Persgroup, Mediahuis e Bertelsmann. E in Germania, l’intero media è controllato dal governo tedesco, ProSiebenSat1, Axel Springer e ancora, Bertelsmann. Quest’ultimo è anche un conglomerato di dimensioni senza precedenti, nonche’ la società madre del più grande editore di libri al mondo, Penguin Random House, proprietario e fondatore di BMG music. Bertelsmann controlla anche gran parte dei media europei attraverso la sua controllata RTL, una società con 67 canali TV, 10 piattaforme di streaming e 38 stazioni radio. Bertelsmann è di proprietà della ricchissima famiglia Bertelsmann-Mohn, che ha collaborato apertamente con i nazisti. Per questo motivo, Reinhardt Mohn fu tenuto prigioniero di guerra negli Stati Uniti. Oltre a RTL, Bertelsman possiede anche una gran parte dei media mainstream francesi. Insieme a Mediaset, il potente conglomerato italiano dell’ex presidente Berlusconi che controlla la parte più importante dei media mainstream italiani, possiede anche tutti i popolari canali televisivi spagnoli. Ora, per completare il quadro, vediamo da dove arrivano le notizie che tutti questi media ci danno quotidianamente.

Le grandi agenzie stampa

I vari media non producono le proprie notizie da soli, ma utilizzano informazioni e immagini di agenzie di stampa come Reuters, l’ANP olandese e l’AFP francese. Queste organizzazioni sono tutt’altro che indipendenti. Reuters è di proprietà della potente famiglia canadese Thompson. L’ANP è di proprietà dell’investitore olandese Case Oomen e l’AFP è in gran parte finanziato dal governo francese. I principali giornalisti ed editori che lavorano presso i nostri media o presso queste agenzie di stampa sono affiliati a importanti organizzazioni giornalistiche come l’European Journalism Centre. Questa e’ una dei maggiori finanziatori di progetti relativi ai media in tutta Europa. Formano giornalisti producono materiali di studio e offrono tirocini, ad esempio, presso l’ANP. Inoltre lavorano a stretto contatto con le più grandi società del mondo come Google e Facebook.

Da dove arrivano le notizie dei media?

Effettivamente chi controlla il mondo deve essere in grado di selezionare e gestire le notizie da diffondere. Per analisi e opinioni giornalistiche, tutti i principali media del mondo utilizzano Project Syndicate, l’organizzazione più potente nel suo campo. Rifornisce i 506 media più importanti in 156 paesi. Project Syndicate e l’European Journalism Centre, insieme alle agenzie di stampa, sono l’anello di congiunzione tra tutti i diversi media nel mondo. Quando i giornalisti leggono le notizie dai loro teleprompter, ci sono buone probabilità che il testo provenga da una di queste organizzazioni. Di conseguenza, i media globali sono spesso sincronizzati nei loro rapporti.

Il fondo per le notizie durante la pandemia

Nel settembre 2020, il Centro europeo di giornalismo e Facebook hanno istituito un fondo per supportare le organizzazioni di notizie selezionate per fare reportage durante la crisi del Corona virus. Vediamo chi sono le organizzazioni che insieme alle agenzie di stampa producono le nostre notizie. Troviamo Al Project Syndicate, la Fondazione Bill & Melinda Gates, l’Open Society Foundation e il Centro europeo di giornalismo. Ancora una volta, vediamo The Gates Foundation e Open Society Foundation che ricevono anche grandi donazioni da Facebook, Google, dal Ministero olandese dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza e dal Ministero degli Affari Esteri olandese. Le organizzazioni che sono al centro del nostro flusso di informazioni sono finanziate dalle organizzazioni senza scopo di lucro della stessa élite. Chi controlla il mondo, infatti, controlla tutti i media. Tuttavia, una parte del denaro delle nostre tasse va anche a queste organizzazioni. Ok, mi sono reso conto che c’erano molte informazioni da elaborare e credimi, l’ho reso il più breve possibile. Ho usato solo gli esempi necessari per mostrarti il ​​quadro generale di chi controlla il mondo, così puoi capire meglio la situazione attuale. È un argomento complesso che può cambiare la nostra visione su molti eventi storici, ma il mio obiettivo è informarvi sul pericolo in cui ci troviamo attualmente. Ci sarà tempo a sufficienza per addentrarci nel passato, quindi parliamo ora degli eventi attuali.

Il World Economic Forum

L’élite di chi controlla il mondo controlla ogni aspetto: dalla nostra vita quotidiana alle informazioni che riceviamo. Questa élite dipende da una collaborazione coordinata in modo inimmaginabile per mantenere tutte le diverse industrie sulla Terra collegate tra loro, al fine di garantire che tutti lavorino nel suo interesse. Succede al World Economic Forum, una delle organizzazioni più importanti al mondo. Al suo incontro annuale a Davos, gli amministratori delegati delle più grandi aziende della Terra si riuniscono insieme a capi di stato, politici e altri individui e organizzazioni influenti come l’UNICEF e Greenpeace. Nel consiglio di amministrazione siedono l’ex vicepresidente degli Stati Uniti e “guru del cambiamento climatico” Al Gore, il CEO di BlackRock Larry Fink, il presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, il direttore del CERN Fabiola Giannotti, la regina di Giordania, il direttore del Comitato Internazionale della Croce Rossa, Peter Maurer e molti altri politici e amministratori delegati delle aziende più influenti del globo. In pratica, chi controlla il mondo. Secondo il sito ufficiale del WEF, la loro quota associativa annuale varia tra 53.000 € e 530.000 €. Ma secondo i rapporti annuali del WEF, circa il 71% del loro budget totale proviene dai suoi partner, che in questo modo pagano l’adesione di giovani politici che non possono permettersi la propria quota.

Un guadagno personale?

Wikipedia riporta quanto segue: “Secondo i critici, il WEF è un business forum dove le aziende più ricche possono negoziare accordi con altre aziende o con politici. Lo scopo del WEF, per molti dei partecipanti, sarebbe un guadagno personale invece di risolvere problemi globali”. Non mi piace fare supposizioni, ma ci sarebbero così tanti problemi sulla Terra se i principali leader del settore, banchieri e politici dal 1971 si fossero riuniti ogni anno per risolvere i problemi del nostro mondo? Non è strano che le principali organizzazioni ambientaliste mondiali si incontrino da 50 anni con gli amministratori delegati delle società più inquinanti mentre le cose continuano a peggiorare? Perché chi controlla il mondo sembra non avere cura del progressivo declino economico ed esistenziale?

I partner più importanti del World Economic Forum

Che i critici del WEF abbiano ragione diventa presto chiaro quando guardiamo chi sono i partner più importanti che rappresentano quasi il 71% del budget del WEF. Sono BlackRock, la Open Society Foundations, la Bill & Melinda Gates Foundation e molte altre grandi società di cui Vanguard e BlackRook che possedevano le azioni direttamente o indirettamente.

Klaus Schwab e il Grande Reset

Il presidente e fondatore del WEF è Klaus Schwab, professore e uomo d’affari tedesco.  Nel suo libro The Great Reset, descrive nel dettaglio i piani della sua organizzazione. Il coronavirus, secondo lui, è un’ottima occasione per resettare letteralmente la nostra società sotto ogni aspetto. Lo chiama “Build Back Better”, e questo slogan sembra essere il motto di tutti i politici globalisti del mondo. Secondo Schwab, la nostra vecchia società dovrebbe essere scambiata con una nuova in cui i paesi cedano la loro sovranità a un unico governo mondiale in cui le persone non fanno altro che lavorare per lo stato in cambio della loro casa, dell’assistenza sanitaria e di tutti i loro altri bisogni primari. Tutto questo è necessario, secondo il WEF, perché la nostra moderna società dei consumi, che l’élite stessa ci ha imposto, non può andare avanti così com’è, non è più sostenibile. Schwab dice nel suo libro che non torneremo mai alla vecchia normalità. E il WEF ha pubblicato un video dove spiega che nel 2030 non avremo nulla ma saremo felici.

Chi controlla il mondo? Il Nuovo Ordine Mondiale

Probabilmente hai sentito parlare del Nuovo Ordine Mondiale. I media vogliono farci credere che questo sia un argomento per teorici della cospirazione, sebbene ne parlino da generazioni presidenti come George Bush Senior, Nelson Mandela e Bill Clinton. Ma anche dai filantropi più famosi al mondo come Cecil Rhodes, David Rockefeller, Henry Kissinger e perfino George Soros. Queste figure importanti che, a parte Mandela, erano tutte tra i vertici dell’élite quando erano ancora in vita, non sono le uniche a sognare un governo mondiale onnipotente. Nel caso volessi approfondire, potrebbe interessarti questo nostro articolo sul Nuovo Ordine Mondiale.

L’agenda dell’ONU

Nel 2015 l’ONU ha presentato la sua controversa Agenda 2030, che è quasi identica al Great Reset di Klaus Schwab. Con le loro stesse parole, l’ONU, come Schwab, vuole garantire che entro il 2030 povertà, fame, inquinamento ambientale e malattie non esistano più sulla Terra. Sembra un piano simpatico finché non leggi l’ultimo punto. L’idea è che l’Agenda 2030 la paghiamo noi, i cittadini. E proprio come attualmente ci viene richiesto di rinunciare ai nostri diritti fondamentali per il bene della salute pubblica, ci verrà chiesto di rinunciare alla nostra ricchezza a favore della riduzione della povertà. Queste non sono teorie del complotto. In breve, si riduce a questo: le Nazioni Unite dovranno prendere tutti i soldi delle tasse da tutti i paesi occidentali per poi darli alle mega corporazioni dell’élite, che saranno incaricate di ricostruire la società. A livello globale è necessaria un’infrastruttura completamente nuova perché i combustibili fossili devono essere un ricordo del passato secondo le Nazioni Unite. Per questo immenso progetto è necessario un governo mondiale, afferma l’ONU, e l’ONU stessa si assume la responsabilità di essere questo governo globale.

La pandemia come occasione per chi controlla il mondo

Proprio come Schwab, anche l’ONU ritiene che una pandemia sia l’occasione perfetta per accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030. È preoccupante che il WEF e l’ONU ammettano apertamente di considerare le pandemie e altri disastri come un’opportunità per trasformare la società. Soprattutto perché abbiamo visto che l’élite ha tutte le risorse a sua disposizione per farci credere che ci sia una pandemia, e anche per crearne una. Quindi certamente non dovremmo prendere queste cose alla leggera e dovremmo esaminarle attentamente. E quando lo facciamo, ci imbattiamo in cose ancora più preoccupanti.

L’Evento 201: simulazioni di pandemia

Venerdì 18 ottobre 2019, mesi prima della dichiarazione della pandemia, si è tenuto un incontro al Pierre Hotel di New York City per un gruppo selezionato di circa 130 ospiti molto importanti, tra cui i politici, i medici e i farmacisti più rispettati al mondo. Lo scopo dell’incontro è stato quello di simulare il possibile scenario di una pandemia globale. Una coincidenza, starai pensando. Per questa simulazione è stato usato un coronavirus come esempio. La simulazione copriva nel dettaglio come il virus si sarebbe diffuso e come soltanto attraverso un’intensa collaborazione tra industrie private, governi e agenzie governative si sarebbe potuto tenere sotto controllo. Ancora una volta, un Nuovo Ordine Mondiale per salvarci dalla distruzione. Ti sorprenderebbe sapere che questo incontro, chiamato Evento 201, è stato organizzato nientemeno che dal World Economic Forum, dalla Bill & Melinda Gates Foundation e dal John Hopkins Institute? Questa non è una teoria del complotto: controlla tu stesso il sito web ufficiale dell’Evento 201.

Altre simulazioni di coronavirus

Forse a questo punto non vi stupirà sapere che il Robert Koch Institute tedesco, legato all’OMS, ha realizzato una simulazione simile nel 2012 e, come è avvenuto durante l’Evento 201, la simulazione prendeva in esame uno scenario in cui era coinvolto un coronavirus. Questa simulazione ha ipotizzato che in un mercato alimentare del sud-est asiatico un coronavirus si sarebbe diffuso dall’animale all’uomo. Che casualità, non credi? In questa simulazione, le autorità hanno impiegato diverse settimane per identificare il virus, permettendogli di diffondersi in tutto il mondo. Sono stati simulati tre anni consecutivi di pandemia in ​​cui sono avvenuti lockdown e l’economia è stata distrutta. È stato simulato l’impatto sulla società in tutti gli aspetti, persino le ciò che riguarda le proteste. Non voglio annoiarti con i dettagli, ma puoi trovare questa analisi sul sito Web del governo tedesco.

La conferenza alla Chatham House

L’ultima cosa di cui voglio parlare è una conferenza che il famoso virologo belga Mark van Ranst ha tenuto il 22 gennaio 2019 alla Chatham House, un’importante organizzazione no-profit di Londra. In questa occasione importanti leader mondiali si sono incontrati per discutere di questioni globali. I vincitori del Chatham House Prize sono stati Hillary Clinton, Melinda Gates e John Kerry. Durante l’evento van Ranst ha tenuto un intervento semplicemente scioccante. Ha infatti spiegato come abbia ingannato l’intera popolazione belga durante l’influenza suina attraverso allarmismi, finti tassi di mortalità e manipolazione dei media. Ha spiegato ridendo come sia riuscito a imporre il vaccino per l’influenza suina alla popolazione belga spaventata. Un vaccino prodotto dalle aziende farmaceutiche per cui ha lavorato.

L’intervento di Van Ranst

“Grazie mille, Ab. Grazie per l’invito. E mi è stato chiesto di raccontarvi le mie esperienze come responsabile della crisi, commissario dell’ ‘influenza per il Belgio e mettendo in evidenza la comunicazione. E poi hai un’opportunità per farlo bene. Voglio dire, il primo giorno è così importante. Nel primo giorno, inizi a comunicare con la stampa, con la gente e, uh, devi farlo bene. Voglio dire, devi scegliere una voce, un messaggio. In Belgio, hanno scelto di nominare un non politico per farlo. Non ho affiliazioni di partito, e questo rende le cose  un po’ più facili, almeno in quel momento, perché non sei non sei attaccato politicamente, da maggioranza e minoranza. Questo e’ stato un enorme vantaggio. Il secondo vantaggio è che puoi giocare a Bruxelles come un ragazzo completamente ingenuo e fare molto di più di quanto saresti altrimenti in grado di fare. Devi essere onnipresente quel primo giorno, o i primi giorni, in modo da attirare l’attenzione immediata. Fai un accordo con loro in cui dirai loro tutto, e risponderai al telefono se dovessero chiamare. Quando lo fai, puoi trarre profitto da questi primi giorni per ottenere una copertura completa del campo e non cercheranno voci alternative. Questo rende le cose molto più facili.”

L’intervento di Van Ranst: la strategia nel dettaglio

Continuando, Van Ranst ha dichiarato: “Le prime settimane, è una strada facile quando non hai opposizione e poi tutti hanno bisogno di notizie, puoi portare molte informazioni neutre, vengono raccolte e, beh, le notizie vengono riportate nel modo in cui le porti tu e puoi solo farlo nelle prime due settimane o mesi. E poi devi dire, ok, bene, avremo morti per H1N1. Certo, sarebbe inevitabile. Ho usato la citazione di Sir Donaldson in cui ha affermato che nel Regno Unito, al picco dell’epidemia, morirebbero 40 persone al giorno alla fine dell’estate. Quindi, a quel tempo, 62 milioni di persone nel Regno Unito, 40 morti al giorno. L’ho calcolato per il Belgio. Sarebbero quindi sette al giorno al culmine dell’epidemia. L’ho usato nei media. Sette al giorno, al culmine dell’epidemia sarebbe piu’ realistico. Questo è vero ogni anno. Anche in caso di pandemia, questo è molto molto comune. Tuttavia, parlare di incidenti mortali è importante perché quando lo dici, la gente dice: Wow, cosa intendi? La gente muore a causa dell’influenza? Questo era un passo necessario da compiere. E poi, ovviamente, un paio di giorni dopo, hai avuto il primo debito H1N1 nel paese, e la scena era pronta e gia’ se ne parlava.”

L’influenza suina e i vaccini

Van Ranst ha continuato l’intervento parlando dei vaccini per l’influenza suina e della scelta delle fasce della popolazione a cui dare la precedenza. “E poi dovevi scegliere chi sarebbe stato vaccinato per primo, e poi prima le donne e i bambini. Comunque, voglio dire che i gruppi a rischio erano importanti. Ho approfittato del fatto che le migliori squadre di calcio in Belgio vaccinate in modo inappropriato e contro tutti gli accordi hanno reso i loro calciatori persone prioritarie. Quindi ho detto, posso usarlo perché se la popolazione crede davvero che questo vaccino sia cosi’ bramato che anche questi calciatori sarebbero disonesti per farsi vaccinare, ho detto Ok, posso lavorarci su. Quindi ne ho fatto un gran dramma… Questo è van Ranst che sta dando di matto… Ma ha funzionato…” La Chatham House è anche finanziata da tutte le maggiori corporazioni delle élite, dalla Gates Foundation e dalla Open Society Foundations.

Chi controlla il mondo vuole il bene del pianeta?

Potremmo parlare per ore del coronavirus, che ha un tasso di sopravvivenza del 99,98%, e delle misure incomprensibili che stanno distruggendo la nostra società. Milioni di imprenditori hanno perso il loro reddito. Innumerevoli anziani sono morti in solitudine, isolati dalle loro famiglie, ma penso che abbiamo esaminato abbastanza fatti che mettono le misure globali contro il Covid in un contesto più ampio, visto dal punto di vista dell’élite. Questa élite estremamente ricca, che collettivamente conta decine di migliaia di miliardi, non ha alcun problema con il fatto che più del 40% della popolazione mondiale deve vivere con meno di cinque dollari e mezzo al giorno, o che milioni di bambini muoiono per l’acqua potabile contaminata da loro, o per la malnutrizione, o per i loro proiettili e bombe. Vogliono solo diventare più potenti. L’élite non ha assolutamente intenzione di condividere il proprio bene con noi. In effetti, sono onesti riguardo ai loro piani per prendere anche l’ultimo pezzo da noi, e questi piani vengono attuati mentre sto scrivendo. I motivi alla base dell’élite non verranno spiegati in questo articolo, perché per questo dobbiamo tuffarci nella storia e discutere argomenti che vanno al di là del nostro pensiero moderno e razionale. Ma per ora puoi capire abbastanza bene con la semplice logica che un nuovo ordine mondiale, o un unico governo mondiale è l’unico modo per una piccola élite di mantenere il suo potere su una popolazione mondiale in continua crescita. Aziende come BlackRock e Vanguard non beneficiano dei confini nazionali, delle tasse di importazione e della reale diversità.

Chi controlla il mondo: paura e manipolazione

Solo attraverso la paura e la manipolazione dei media possono mantenere la presa su tutti noi, e volutamente non ho nemmeno menzionato i metodi disumani di ricatto con cui l’élite tiene in riga i propri scagnozzi più importanti. L’élite non ha intenzione di curarci dalle innumerevoli malattie che abbiamo contratto dal cibo tossico che hanno prodotto. E dall’inquinamento ambientale che hanno causato. Dopotutto, se non ci ammalassimo, l’intera industria farmaceutica crollerebbe. “Niente si vende come la paura” è il motto dei migliori virologi come Mark van Ranst. Rimarrai stupito, come lo ero io, quando scoprirai che siamo stati avvertiti innumerevoli volte di questa élite. Con questo articolo spero di “raggiungervi” per ridurre la distanza che ci separa. Solo quando siamo divisi l’élite può mantenere il suo potere su di noi.

Una nuova società senza proprietà privata

La loro più grande paura è che ci renderemo conto di ciò che sta realmente accadendo sulla Terra. E l’unico modo in cui l’élite pensa di impedire che ciò accada è attraverso la censura, che impedisce il contatto umano, l’incessante inquadramento degli oppositori politici e di coloro che la pensano diversamente, e l’uso della forza bruta. I piani dell’élite sono chiari, così come il modo spietato con cui vogliono realizzarli. Se permettiamo che ciò accada, una nuova società sarà costruita sulle ceneri di ciò che una volta eravamo. Una nuova società in cui non possederemo nulla, nemmeno una casa nostra. L’élite vuole assicurarsi che da qui al 2030, tutto ciò che possiedi sarà loro. Per questo è necessaria una crisi economica devastante. In primo luogo, viene attaccata la classe media, che è la spina dorsale della società.  Dopodiché, le cose si muoveranno rapidamente. Le banche cadranno, il denaro contante cesserà di esistere e l’unico modo per non morire di fame sarà l’accettazione del sostegno del governo, che includerà diverse condizioni come il passaporto per la vaccinazione e la rinuncia alla proprietà privata. Poiché gli imprenditori saranno i primi a cadere, molti altri non sentiranno subito la crisi. Le persone resteranno divise finché non sarà troppo tardi per unirsi. Questo non è uno scenario apocalittico che mi sono inventato. Questo è semplicemente il Grande Reset, il Nuovo Ordine Mondiale. E’ stato preparato molte generazioni fa ed è stato ampiamente testato in ogni dittatura comunista del mondo.

Il Grande Risveglio

Ma questo può anche andare in una direzione diversa, e invece di un Grande Reset, possiamo causare un Grande Risveglio e creare un mondo dove nessuno deve soffrire la fame e dove possiamo vivere in modo sostenibile e in libertà gli uni con gli altri e con la natura. Questo non è un sogno ad occhi aperti, è molto più concreto di quello che pensi. Ci sono sempre state forze che hanno cercato di spezzare il potere dell’élite, ma fino a poco tempo fa i nostri mezzi di comunicazione erano insufficienti per mettere in moto le masse in tutto il mondo. L’élite ci ha sempre tenuto all’oscuro delle scoperte di geni come Tesla, che era molto avanti nel campo dell’energia pulita e gratuita. O il dottor Rife, che ha usato le onde radio per curare almeno 16 malati terminali di cancro prima di morire in modo sospetto, proprio come Tesla. O Henry Ford che nel 1941 aveva già realizzato un’auto in bioplastica che si dimostrava più resistente dell’acciaio. L’élite ci ha nascosto innumerevoli tecniche di questo tipo perché costituiscono una minaccia per i loro monopoli in ogni settore. Queste erano tecnologie che ci avrebbero dato libertà e avrebbero messo a rischio il potere di chi controlla il mondo, che si basa sulla nostra paura e dipendenza dai loro prodotti.

Un mondo di nuove possibilità

Queste non sono teorie del complotto ma fatti. Quello che sto dicendo è che si sta aprendo un mondo di nuove possibilità per tutti noi dove non c’è povertà, inquinamento, malattie o guerre, e in cui i governi lavorano per il benessere delle persone piuttosto che il contrario. Saranno curati innumerevoli disturbi che forniscono all’industria farmaceutica centinaia di miliardi di dollari. Nessuno dovrà farsi il culo per vivere una vita dignitosa. La gente non vivrà più nella paura a causa delle bugie dei media, dell’industria farmaceutica, delle lobby del clima e dei politici. È tutto all’orizzonte, ma prima dobbiamo attraversare la tempesta e riconoscere qual è il vero problema nella nostra società.

In conclusione

Voglio ringraziarvi per aver letto questo articolo su chi controlla il mondo. Spero che un giorno, in libertà, rifletteremo insieme su questo momento unico nella storia. C’è ancora tanto da dire, ma il resto lo terremo da parte per dopo. Questo articolo era solo un’introduzione. È qui che inizia il nostro viaggio e, pur essendo difficile, lo intraprenderemo insieme e ci aiuteremo a rialzarci quando cadremo. Non avremo paura. Siamo il 99%. Potrebbe interessarti anche Nuovo Ordine Mondiale e Grande Reset sono la stessa cosa?

 

Chi controlla il mondo? Ti sei mai chiesto cosa dicono i media degli altri paesi? Sarai sorpreso, o forse no, di sapere che dicono tutti le stesse cose. Perché? Tutte le più grandi corporazioni del mondo sono riconducibili ad un solo nome… Questo articolo – e il documentario – ti spiegano esattamente chi c’è dietro al controllo dell’informazione, quali siano i suoi interessi economici e perché ormai tutto il mondo sia di proprietà di una sola organizzazione. Il video riporta fonti verificate e video ufficiali in modo da spiegarti esattamente come è stato scoperto chi controlla il mondo e perchè è importante saperlo. Condividi il documentario in modo che quante più persone possibili possano sapere la verità!

Chi controlla il mondo: la situazione economica attuale

Allora, cari amici, lo so che anche voi percepite qualcosa di sbagliato nella situazione attuale. Ma penso anche che le tante teorie del complotto infondate possano avervi fatto prendere le distanze sia da chi le diffonde sia dall’allarmismo mediatico. Spero che mi ascolterete per un momento. Mentre leggete questo articolo centinaia di milioni di persone in tutto il mondo stanno cadendo in povertà. La causa sono le misure restrittive in vigore ormai da 2 anni. E anche se la più grande crisi economica che abbiamo mai sperimentato potrebbe non avervi ancora colpito personalmente, è solo questione di tempo prima che gli effetti raggiungano anche voi e i vostri cari. Questo non è allarmismo, ma la dura realtà. Penso anche che possiamo limitare i danni e persino trarne beneficio, se siamo correttamente informati sulla situazione attuale. Pertanto, vorrei mostrarvi alcuni fatti facilmente verificabili che ritengo essenziali.

Chi controlla il mondo: le mega corporazioni

Le mega corporazioni che dominano ogni aspetto della nostra vita si contano sulle dita di una mano. Può sembrare un’esagerazione, ma dalla colazione in tavola la mattina al materasso su cui dormiamo la notte, tutto ciò che facciamo, indossiamo o consumiamo, dipendono in gran parte da queste Corporazioni. Si tratta di società di investimento di proporzioni immense, che gestiscono i maggiori flussi di denaro sulla Terra. Sono le protagoniste dello spettacolo a cui stiamo assistendo. Per non farti perdere troppo tempo, ho riassunto le informazioni più importanti. Prendiamo ad esempio un’azienda come PepsiCo, che è la casa madre di molte delle bibite e degli snack più popolari al mondo. Sembrano esserci molti marchi concorrenti, ma provengono tutti dalle fabbriche di un piccolo numero di aziende che insieme hanno il monopolio del settore. All’interno dell’industria alimentare confezionata ci sono una serie di altre importanti aziende come Unilever, la Coca-Cola Company, Mondelez e Nestlé. Molti dei marchi noti nell’industria alimentare confezionata appartengono a una di queste società. Potete facilmente ottenere questo tipo di informazioni. Potete verificarlo sui siti web dei loro marchi pertinenti o su Wikipedia.

Società e azionisti

Le società di queste dimensioni sono generalmente quotate in borsa e hanno un consiglio di amministrazione in cui i maggiori azionisti dettano legge. Su siti Web come Yahoo Finance, possiamo trovare informazioni dettagliate sulle società, incluso chi sono i loro maggiori azionisti. Prendiamo di nuovo PepsiCo come esempio. Vediamo che 73.14% delle azioni sono detenute da 3379 investitori istituzionali. Questi includono società di investimento, fondi comuni di investimento, compagnie assicurative, banche e, in alcuni casi, governi. Diamo un’occhiata a chi siano i maggiori investitori istituzionali di PepsiCo. Solo 10 dei 3379 investitori rappresentano quasi 1/3 di tutte le azioni. Il capitale azionario combinato di questi primi 10 ha un valore di circa 60 miliardi di dollari. Ma di quei 10 investitori, 3 possiedono più azioni dei restanti 7. Tieni in mente i loro nomi e vediamo chi possiede la maggior parte delle azioni della Coca-Cola, la grande concorrente della Pepsi. Vediamo che proprio come con PepsiCo, la maggioranza delle azioni è detenuta da investitori istituzionali.

Chi controlla il mondo? I nomi dei maggiori investitori

Diamo un’occhiata ai maggiori investitori. 4 di questi investitori istituzionali li abbiamo già visti anche tra quelli di PepsiCo. Questi sono Northern Trust, JP Morgan Chase, Geode Capital Management e Wellington Management. Ora diamo un’occhiata ai quattro maggiori azionisti: tre di questi li abbiamo già visti tra quelli di PepsiCo. Sono BlackRock, Vanguard e State Street, e ce n’è un altro: Berkshire Hathaway. Queste sono le quattro più grandi società di investimento del pianeta. Quindi PepsiCo e Coca-Cola sono tutt’altro che concorrenti. Anche le altre grandi aziende che possiedono molti marchi, come Unilever, Mondelez e Nestlé, sono di proprietà dello stesso piccolo gruppo di investitori istituzionali.

Le grandi aziende del settore tecnologico

Non trovi questi nomi solo nell’industria alimentare confezionata. Ad esempio, cerchiamo su Wikipedia quali sono le più grandi aziende del settore tecnologico. Facebook possiede Whatsapp e Instagram. Insieme a Twitter, formano le piattaforme di social media più popolari nel mondo. Alphabet è la società madre di tutte le attività di Google, inclusi YouTube e Gmail, ma sono anche i maggiori sponsor e sviluppatori di Android: uno dei due sistemi operativi su cui girano quasi tutti gli smartphone e i tablet del mondo. L’altro sistema operativo è iOS di Apple. Infine, se aggiungiamo Microsoft alle altre, vediamo che 4 aziende producono i software da cui dipendono quasi tutti i computer, tablet e smartphone del mondo.

Chi possiede le azioni dei big della tecnologia?

Vediamo chi possiede la maggior parte delle azioni di queste potenti società. Se guardiamo Facebook, vediamo che oltre l’80% delle azioni è di proprietà di investitori istituzionali. Questi sono gli stessi nomi che abbiamo visto nell’industria alimentare. Ancora una volta, troviamo gli stessi investitori al vertice. Vediamo adesso Twitter. Sorprendentemente, scopriamo che anche Twitter è di proprietà degli stessi investitori. Li vediamo anche con Apple, ma anche con il loro grande concorrente Microsoft. Quando guardiamo a tutte le altre aziende che dominano il settore tecnologico e costruiscono i nostri computer, TV, smartphone ed elettrodomestici, vediamo gli stessi grandi investitori che possiedono la maggioranza delle azioni. Lo vediamo in tutti i settori del mondo e, solo per mostrarti che non sto esagerando, ti darò un altro esempio.

Chi controlla il mondo? Gli investitori nel settore viaggi e turismo

Diciamo che vogliamo pianificare una vacanza.  Sul nostro computer o smartphone cerchiamo un volo economico per un posto al caldo attraverso siti come Skyscanner ed Expedia, entrambi appartenenti allo stesso gruppo di investitori istituzionali. Voliamo con una delle tante compagnie aeree la cui maggioranza delle azioni è spesso di proprietà degli stessi investitori, o di governi, come Air France KLM. L’aereo su cui voliamo è nella maggior parte dei casi un Boeing o un Airbus. Ancora una volta, vediamo gli stessi nomi. Cerchiamo un hotel o un appartamento tramite Booking.com o Airbnb.com. Una volta arrivati ​​a destinazione, poi, scriviamo una recensione su Trip Advisor. Gli stessi investitori sono alla base di ogni aspetto del nostro viaggio, e la loro forza va ben oltre, perché anche il kerosene che alimenta l’aereo proviene da una delle loro numerose compagnie petrolifere e raffinerie. Proprio come l’acciaio di cui è fatto l’aereo che proviene da una delle loro tante compagnie minerarie.

Gli stessi nomi in tutti i settori

Questo piccolo club di società di investimento, banche e fondi comuni di investimento sono anche i maggiori azionisti delle industrie primarie da cui provengono le materie prime. Se cerchiamo su Wikipedia le più grandi compagnie minerarie del mondo vediamo che i loro azionisti sono gli stessi investitori istituzionali che vediamo ovunque. Lo stesso vale per le più grandi aziende agricole del mondo, da cui dipende tutta la nostra industria alimentare. Ad esempio, possiedono Bayer, la società madre della Monsanto; il più grande produttore di semi al mondo, che produce il 90% di tutti i semi di cotone sulla terra, così come la maggior parte di tutti gli altri semi. Ma questi investitori istituzionali sono anche gli azionisti delle più grandi aziende manifatturiere tessili del mondo, e anche i numerosi e popolari marchi di abbigliamento che trasformano il cotone nei vestiti che indossiamo sono di proprietà dello stesso gruppo di investitori. Sia che prendiamo i maggiori produttori di pannelli solari al mondo o le più grandi raffinerie di petrolio, le azioni sono sempre gestite dalle stesse società. Possiedono le aziende produttrici di tabacco che producono tutti i marchi più diffusi al mondo. Ma possiedono anche tutte le maggiori aziende dell’industria farmaceutica e gli istituti scientifici che producono i farmaci. Possiedono le aziende che producono i nostri metalli e le nostre materie prime e l’intera industria automobilistica, aeronautica e delle armi in cui vengono impiegati tali metalli e materie prime. Hanno il controllo delle aziende che costruiscono i nostri dispositivi elettronici. Possiedono i grandi magazzini, i marketplace online e persino i metodi di pagamento che utilizziamo per pagare i loro prodotti.

E’ solo la punta dell’iceberg

Poiché voglio mantenere il mio articolo il più breve possibile, ho deciso di mostrare solo la punta dell’iceberg. Se deciderete di indagare per conto vostro, utilizzando le fonti che avete appena visto, scoprirete che anche molte delle più note compagnie assicurative, banche, imprese edili, compagnie telefoniche, catene di ristoranti e marchi di cosmetici sono di proprietà degli stessi investitori istituzionali che abbiamo appena visto.

La “piramide” degli investitori

Questi investitori istituzionali sono, come vi dicevo prima, principalmente società di investimento, banche e assicurazioni. Sono a loro volta di proprietà di azionisti. Ora, qual è la cosa più sorprendente? Tutti questi investitori istituzionali possiedono le azioni degli altri e insieme formano un’immensa rete che possiamo paragonare a una piramide. Gli investitori istituzionali più piccoli sono di proprietà di investitori più grandi che a loro volta appartengono a investitori ancora più grandi.

La cima della piramide: Vanguard e Black Rock

La parte superiore visibile di questa piramide è costituita solo da due società e ormai abbiamo visto i loro nomi molte volte. Parliamo di Vanguard e Blackrock. Il potere di queste due società è qualcosa che possiamo a malapena immaginare. Non solo sono i più grandi investitori istituzionali di ogni grande azienda sulla Terra, ma possiedono anche gli altri investitori istituzionali di quelle aziende, dando loro un monopolio completo. Secondo un rapporto di Bloomberg, una delle istituzioni più rispettate al mondo nel campo dei dati finanziari, gli esperti prevedono che entro il 2028 entrambe le società gestiranno collettivamente circa 20 trilioni di dollari di investimenti, e nel processo entreranno in possesso di quasi tutto sulla Terra.

BlackRock: il quarto braccio di Governo

Lo stesso Bloomberg ha chiamato BlackRock il quarto braccio di governo perché è l’unico ente non governativo che ha uno stretto rapporto con le banche federali, chiamate anche banche centrali. Blackrock non solo presta denaro alle banche federali, ma è anche il loro principale consulente e sviluppatore del sistema informatico utilizzato dalle banche federali. Decine di dipendenti BlackRock hanno ricoperto posizioni di rilievo alla Casa Bianca durante le amministrazioni Bush e Obama, e attualmente sotto Joe Biden. Il CEO di BlackRock, Larry Fink, è un ospite gradito da molti capi di stato e politici. È il volto dell’azienda che tira le fila. Eppure, Larry Fink non tira i fili da solo. In effetti, la stessa BlackRock è di proprietà di azionisti, e se guardiamo chi sono quegli azionisti, arriviamo a una strana conclusione. Vediamo che il maggiore azionista di BlackRock è proprio Vanguard, ed è qui che si fa buio. Vanguard stesso ha una struttura unica che rende impossibile vedere chi sono i suoi azionisti o clienti. L’élite che possiede Vanguard vuole nascondere chi sono i proprietari della compagnia più potente della Terra. Ma ovviamente, questo non è un segreto per coloro che sono disposti ad esaminarlo. I rapporti di Oxfam e Bloomberg mostrano che 1% della popolazione mondiale possiede collettivamente più soldi dell’altro 99%. In effetti, sostiene Oxfam, ben l’82% di tutti i soldi guadagnati nel 2017 sono andati a questo 1% di persone. Naturalmente, coloro che possiedono l’azienda più potente della Terra sarebbero anche i più ricchi di questo 1%. In altre parole, fanno parte dello 0,001%.

Chi controlla il mondo? Questione di famiglia

Forbes, la rivista economica più conosciuta al mondo, sostiene che a marzo 2020 c’erano circa 2075 miliardari. Se ti interessa puoi leggere la lista di Forbes dei milionari della terra, aggiornata in tempo reale. Il rapporto di Oxfam ha mostrato che i due terzi di tutti questi miliardari hanno ottenuto la loro fortuna attraverso eredità e monopoli. Quindi questo significa che Vanguard è nelle mani delle famiglie più ricche della Terra. Se studiamo la loro storia, scopriamo che queste famiglie sono sempre appartenute al vertice della piramide, alcune anche ben prima dell’inizio della rivoluzione industriale. Voglio sottolineare che molte di queste famiglie sono di discendenza reale e sono i fondatori del nostro sistema bancario, delle Nazioni Unite e di ogni industria del mondo. Queste famiglie non hanno mai perso il loro potere, ma a causa dell’aumento della popolazione mondiale, sono state costrette a nascondersi dietro società di investimento come Vanguard, i cui maggiori azionisti sono i fondi privati e le organizzazioni senza scopo di lucro di queste famiglie.

Le organizzazioni no profit di chi controlla il mondo

Per rendere più chiaro il quadro generale ho bisogno di spiegare brevemente qualcosa su queste organizzazioni senza scopo di lucro. Questi sono i collegamenti che ci sono tra la comunità imprenditoriale, la politica e i media, creando grandi conflitti di interesse. A prima vista, tuttavia, questo non è troppo evidente. Le organizzazioni senza scopo di lucro, chiamate anche fondazioni, sono organizzazioni che si basano su donazioni e non devono pubblicare da chi ricevono tali donazioni. Possono investire questo denaro in quello che vogliono e non devono pagare le tasse sui loro profitti, purché tali profitti vengano reinvestiti in altri progetti in cui sono coinvolti. Le organizzazioni no profit possono trasferire centinaia di miliardi di dollari da investitori invisibili. Secondo un rapporto del governo australiano questo rende le organizzazioni senza scopo di lucro ideali per finanziare gruppi terroristici e riciclare ingenti somme di denaro. Nel caso volessi farti un’idea, questo è il report originale. Le fondazioni e i fondi delle famiglie più alte nella gerarchia dell’1% si nascondono il più possibile dietro le quinte. Tuttavia, per i casi che hanno molta pubblicità e attenzione, utilizzano le fondamenta di famiglie filantropiche più basse nella classifica, ma anche estremamente facoltose.

Le tre fondazioni no profit più importanti al mondo

Per essere breve, evidenzierò solo le tre fondazioni più importanti al mondo che collegano tra loro tutte le industrie del mondo. Queste sono la Fondazione Bill & Melinda Gates, la Fondazione Open Society del controverso multimiliardario George Soros, e la Fondazione Clinton. Una brevissima introduzione per darvi un’idea delle dimensioni di questi tipi di fondazioni. Secondo il sito web ufficiale del World Economic Forum, The Gates Foundation è il più grande finanziatore dell’Organizzazione mondiale della sanità, dopo che il presidente Donald Trump ha fermato il finanziamento dell’OMS da parte degli Stati Uniti nel 2020. Ciò rende The Gates Foundation una delle organizzazioni più influenti al mondo nell’area di tutto ciò che riguarda la nostra salute. La Gates Foundation ha una stretta collaborazione con le 16 più grandi aziende farmaceutiche del mondo, tra cui Pfizer, Astra Zeneca, Johnson and Johnson, BionTech e Bayer. Abbiamo appena visto chi possedeva la maggior parte delle azioni di queste società. Bill Gates era tutt’altro che un povero nerd che è diventato a una delle persone più ricche del mondo, ma proveniva da una famiglia di filantropi che, proprio come lui, lavorava per l’élite assoluta. Bill è il fondatore di Microsoft, di proprietà di Blackrock, Vanguard e, fino a poco tempo fa, Berkshire Hathaway. Ma allo stesso tempo, The Gates Foundation è il maggiore azionista, dopo BlackRock, Vanguard e State Street, a Berkshire Hathaway, dove è stato anche nel consiglio per un po’. Parleremmo per ore se dovessimo considerare tutto ciò in cui sono coinvolte The Gates Foundation, The Open Society Foundations di George Soros e la Clinton Foundation, ma poiché ci collegano al prossimo argomento e agli eventi attuali, questa breve introduzione è stata importante.

chi controlla il mondo

Perché i media non parlano di chi controlla il mondo?

Penso che il prossimo argomento dovrebbe iniziare con una domanda. Una persona a caso come me, con pochissima esperienza nell’editing video, che usa un vecchio laptop, può in 20 minuti di ricerca realizzare che solo due aziende hanno il monopolio totale su tutte le industrie del mondo. Quindi la domanda che sorge spontanea è: perché non hai sentito parlare di tutto questo sui media? Ogni giorno abbiamo la possibilità di scegliere tra innumerevoli reportage, documentari e programmi televisivi, eppure nessuno di loro ne parla. È qualcosa di non abbastanza interessante o potrebbero esserci altri interessi in gioco? La risposta la riceviamo ancora da Wikipedia.

Chi controlla i media?

Circa il 90% dei media internazionali sono di proprietà di nove conglomerati. Le società di proprietà di questi conglomerati sono troppe da menzionare, quindi ti mostrerò solo i marchi più importanti che tutti conosciamo. ViacomCBS è la società madre di tutti i canali CBS, Paramount, MTV, Comedy Central, Nickelodeon, Five e Australian Ten. Indovina chi sono i maggiori azionisti di ViacomCBS. Prima di esaminare gli altri grandi conglomerati, non dimentichiamo di menzionare i nostri potentissimi monopolisti di streaming Netflix e Amazon Prime, entrambi appartenenti agli stessi azionisti. Poi AT&T, che è la società madre di Warner Brothers, HBO, Discovery Channel, CNN, Cartoon Network, TNT, DC e molti altri noti marchi. Indovina chi sono i maggiori azionisti di AT&T? Il terzo è l’onnipotente News Corp. Questa società possiede molti dei più noti giornali regionali nazionali, riviste e canali TV negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia. Le azioni di News Corp sono di proprietà del multimiliardario americano Rupert Murdoch e degli investitori istituzionali che vediamo ovunque. La consociata di News Corp è Fox Corporation, che è anche uno dei più potenti conglomerati mediatici sulla Terra, proprio come News Corp è di proprietà della famiglia Murdoch e dei soliti investitori. Poi la Walt Disney Company, un conglomerato di dimensioni inimmaginabili, con molte filiali come Pixar, Marvel, 20th Century, Lucas Film, ABC, National Geographic e Hulu. Un altro potente conglomerato dei media è Comcast. Questa è la società madre di NBC, DreamWorks, Universal, The Sky Group, Focus Features, Xfinity e molti altri importanti marchi di media. Chi sono i maggiori azionisti? Come ci si aspetterebbe, sono sempre Vanguard e BlackRock. Potrei andare avanti per ore e mostrare che in quasi tutti i paesi della Terra i media locali sono nelle mani di questo tipo di conglomerati e, quindi, di chi controlla il mondo. Questi ultimi, a loro volta, sono di proprietà dei nostri investitori istituzionali o di famiglie d’élite estremamente ricche e potenti.

I media nazionali

L’influenza capillare di chi controlla il mondo si estende anche alla stampa nazionale. Nel Regno Unito, ad esempio, praticamente tutti i giornali e le riviste popolari sono di proprietà del Daily Mail Group, Reach nella summenzionata News Corp. Nei Paesi Bassi, l’intero media è nelle mani del Persgroup, Mediahuis e Bertelsmann. E in Germania, l’intero media è controllato dal governo tedesco, ProSiebenSat1, Axel Springer e ancora, Bertelsmann. Quest’ultimo è anche un conglomerato di dimensioni senza precedenti, nonche’ la società madre del più grande editore di libri al mondo, Penguin Random House, proprietario e fondatore di BMG music. Bertelsmann controlla anche gran parte dei media europei attraverso la sua controllata RTL, una società con 67 canali TV, 10 piattaforme di streaming e 38 stazioni radio. Bertelsmann è di proprietà della ricchissima famiglia Bertelsmann-Mohn, che ha collaborato apertamente con i nazisti. Per questo motivo, Reinhardt Mohn fu tenuto prigioniero di guerra negli Stati Uniti. Oltre a RTL, Bertelsman possiede anche una gran parte dei media mainstream francesi. Insieme a Mediaset, il potente conglomerato italiano dell’ex presidente Berlusconi che controlla la parte più importante dei media mainstream italiani, possiede anche tutti i popolari canali televisivi spagnoli. Ora, per completare il quadro, vediamo da dove arrivano le notizie che tutti questi media ci danno quotidianamente.

Le grandi agenzie stampa

I vari media non producono le proprie notizie da soli, ma utilizzano informazioni e immagini di agenzie di stampa come Reuters, l’ANP olandese e l’AFP francese. Queste organizzazioni sono tutt’altro che indipendenti. Reuters è di proprietà della potente famiglia canadese Thompson. L’ANP è di proprietà dell’investitore olandese Case Oomen e l’AFP è in gran parte finanziato dal governo francese. I principali giornalisti ed editori che lavorano presso i nostri media o presso queste agenzie di stampa sono affiliati a importanti organizzazioni giornalistiche come l’European Journalism Centre. Questa e’ una dei maggiori finanziatori di progetti relativi ai media in tutta Europa. Formano giornalisti producono materiali di studio e offrono tirocini, ad esempio, presso l’ANP. Inoltre lavorano a stretto contatto con le più grandi società del mondo come Google e Facebook.

Da dove arrivano le notizie dei media?

Effettivamente chi controlla il mondo deve essere in grado di selezionare e gestire le notizie da diffondere. Per analisi e opinioni giornalistiche, tutti i principali media del mondo utilizzano Project Syndicate, l’organizzazione più potente nel suo campo. Rifornisce i 506 media più importanti in 156 paesi. Project Syndicate e l’European Journalism Centre, insieme alle agenzie di stampa, sono l’anello di congiunzione tra tutti i diversi media nel mondo. Quando i giornalisti leggono le notizie dai loro teleprompter, ci sono buone probabilità che il testo provenga da una di queste organizzazioni. Di conseguenza, i media globali sono spesso sincronizzati nei loro rapporti.

Il fondo per le notizie durante la pandemia

Nel settembre 2020, il Centro europeo di giornalismo e Facebook hanno istituito un fondo per supportare le organizzazioni di notizie selezionate per fare reportage durante la crisi del Corona virus. Vediamo chi sono le organizzazioni che insieme alle agenzie di stampa producono le nostre notizie. Troviamo Al Project Syndicate, la Fondazione Bill & Melinda Gates, l’Open Society Foundation e il Centro europeo di giornalismo. Ancora una volta, vediamo The Gates Foundation e Open Society Foundation che ricevono anche grandi donazioni da Facebook, Google, dal Ministero olandese dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza e dal Ministero degli Affari Esteri olandese. Le organizzazioni che sono al centro del nostro flusso di informazioni sono finanziate dalle organizzazioni senza scopo di lucro della stessa élite. Chi controlla il mondo, infatti, controlla tutti i media. Tuttavia, una parte del denaro delle nostre tasse va anche a queste organizzazioni. Ok, mi sono reso conto che c’erano molte informazioni da elaborare e credimi, l’ho reso il più breve possibile. Ho usato solo gli esempi necessari per mostrarti il ​​quadro generale di chi controlla il mondo, così puoi capire meglio la situazione attuale. È un argomento complesso che può cambiare la nostra visione su molti eventi storici, ma il mio obiettivo è informarvi sul pericolo in cui ci troviamo attualmente. Ci sarà tempo a sufficienza per addentrarci nel passato, quindi parliamo ora degli eventi attuali.

Il World Economic Forum

L’élite di chi controlla il mondo controlla ogni aspetto: dalla nostra vita quotidiana alle informazioni che riceviamo. Questa élite dipende da una collaborazione coordinata in modo inimmaginabile per mantenere tutte le diverse industrie sulla Terra collegate tra loro, al fine di garantire che tutti lavorino nel suo interesse. Succede al World Economic Forum, una delle organizzazioni più importanti al mondo. Al suo incontro annuale a Davos, gli amministratori delegati delle più grandi aziende della Terra si riuniscono insieme a capi di stato, politici e altri individui e organizzazioni influenti come l’UNICEF e Greenpeace. Nel consiglio di amministrazione siedono l’ex vicepresidente degli Stati Uniti e “guru del cambiamento climatico” Al Gore, il CEO di BlackRock Larry Fink, il presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, il direttore del CERN Fabiola Giannotti, la regina di Giordania, il direttore del Comitato Internazionale della Croce Rossa, Peter Maurer e molti altri politici e amministratori delegati delle aziende più influenti del globo. In pratica, chi controlla il mondo. Secondo il sito ufficiale del WEF, la loro quota associativa annuale varia tra 53.000 € e 530.000 €. Ma secondo i rapporti annuali del WEF, circa il 71% del loro budget totale proviene dai suoi partner, che in questo modo pagano l’adesione di giovani politici che non possono permettersi la propria quota.

Un guadagno personale?

Wikipedia riporta quanto segue: “Secondo i critici, il WEF è un business forum dove le aziende più ricche possono negoziare accordi con altre aziende o con politici. Lo scopo del WEF, per molti dei partecipanti, sarebbe un guadagno personale invece di risolvere problemi globali”. Non mi piace fare supposizioni, ma ci sarebbero così tanti problemi sulla Terra se i principali leader del settore, banchieri e politici dal 1971 si fossero riuniti ogni anno per risolvere i problemi del nostro mondo? Non è strano che le principali organizzazioni ambientaliste mondiali si incontrino da 50 anni con gli amministratori delegati delle società più inquinanti mentre le cose continuano a peggiorare? Perché chi controlla il mondo sembra non avere cura del progressivo declino economico ed esistenziale?

I partner più importanti del World Economic Forum

Che i critici del WEF abbiano ragione diventa presto chiaro quando guardiamo chi sono i partner più importanti che rappresentano quasi il 71% del budget del WEF. Sono BlackRock, la Open Society Foundations, la Bill & Melinda Gates Foundation e molte altre grandi società di cui Vanguard e BlackRook che possedevano le azioni direttamente o indirettamente.

Klaus Schwab e il Grande Reset

Il presidente e fondatore del WEF è Klaus Schwab, professore e uomo d’affari tedesco.  Nel suo libro The Great Reset, descrive nel dettaglio i piani della sua organizzazione. Il coronavirus, secondo lui, è un’ottima occasione per resettare letteralmente la nostra società sotto ogni aspetto. Lo chiama “Build Back Better”, e questo slogan sembra essere il motto di tutti i politici globalisti del mondo. Secondo Schwab, la nostra vecchia società dovrebbe essere scambiata con una nuova in cui i paesi cedano la loro sovranità a un unico governo mondiale in cui le persone non fanno altro che lavorare per lo stato in cambio della loro casa, dell’assistenza sanitaria e di tutti i loro altri bisogni primari. Tutto questo è necessario, secondo il WEF, perché la nostra moderna società dei consumi, che l’élite stessa ci ha imposto, non può andare avanti così com’è, non è più sostenibile. Schwab dice nel suo libro che non torneremo mai alla vecchia normalità. E il WEF ha pubblicato un video dove spiega che nel 2030 non avremo nulla ma saremo felici.

Chi controlla il mondo? Il Nuovo Ordine Mondiale

Probabilmente hai sentito parlare del Nuovo Ordine Mondiale. I media vogliono farci credere che questo sia un argomento per teorici della cospirazione, sebbene ne parlino da generazioni presidenti come George Bush Senior, Nelson Mandela e Bill Clinton. Ma anche dai filantropi più famosi al mondo come Cecil Rhodes, David Rockefeller, Henry Kissinger e perfino George Soros. Queste figure importanti che, a parte Mandela, erano tutte tra i vertici dell’élite quando erano ancora in vita, non sono le uniche a sognare un governo mondiale onnipotente. Nel caso volessi approfondire, potrebbe interessarti questo nostro articolo sul Nuovo Ordine Mondiale.

L’agenda dell’ONU

Nel 2015 l’ONU ha presentato la sua controversa Agenda 2030, che è quasi identica al Great Reset di Klaus Schwab. Con le loro stesse parole, l’ONU, come Schwab, vuole garantire che entro il 2030 povertà, fame, inquinamento ambientale e malattie non esistano più sulla Terra. Sembra un piano simpatico finché non leggi l’ultimo punto. L’idea è che l’Agenda 2030 la paghiamo noi, i cittadini. E proprio come attualmente ci viene richiesto di rinunciare ai nostri diritti fondamentali per il bene della salute pubblica, ci verrà chiesto di rinunciare alla nostra ricchezza a favore della riduzione della povertà. Queste non sono teorie del complotto. In breve, si riduce a questo: le Nazioni Unite dovranno prendere tutti i soldi delle tasse da tutti i paesi occidentali per poi darli alle mega corporazioni dell’élite, che saranno incaricate di ricostruire la società. A livello globale è necessaria un’infrastruttura completamente nuova perché i combustibili fossili devono essere un ricordo del passato secondo le Nazioni Unite. Per questo immenso progetto è necessario un governo mondiale, afferma l’ONU, e l’ONU stessa si assume la responsabilità di essere questo governo globale.

La pandemia come occasione per chi controlla il mondo

Proprio come Schwab, anche l’ONU ritiene che una pandemia sia l’occasione perfetta per accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030. È preoccupante che il WEF e l’ONU ammettano apertamente di considerare le pandemie e altri disastri come un’opportunità per trasformare la società. Soprattutto perché abbiamo visto che chi controlla il mondo ha tutte le risorse a sua disposizione per farci credere che ci sia una pandemia, e anche per crearne una. Quindi certamente non dovremmo prendere queste cose alla leggera e dovremmo esaminarle attentamente. E quando lo facciamo, ci imbattiamo in cose ancora più preoccupanti.

L’Evento 201: simulazioni di pandemia

Venerdì 18 ottobre 2019, mesi prima della dichiarazione della pandemia, si è tenuto un incontro al Pierre Hotel di New York City per un gruppo selezionato di circa 130 ospiti molto importanti, tra cui i politici, i medici e i farmacisti più rispettati al mondo. Lo scopo dell’incontro è stato quello di simulare il possibile scenario di una pandemia globale. Una coincidenza, starai pensando. Per questa simulazione è stato usato un coronavirus come esempio. La simulazione copriva nel dettaglio come il virus si sarebbe diffuso e come soltanto attraverso un’intensa collaborazione tra industrie private, governi e agenzie governative si sarebbe potuto tenere sotto controllo. Ancora una volta, un Nuovo Ordine Mondiale per salvarci dalla distruzione. Ti sorprenderebbe sapere che questo incontro, chiamato Evento 201, è stato organizzato nientemeno che dal World Economic Forum, dalla Bill & Melinda Gates Foundation e dal John Hopkins Institute? Questa non è una teoria del complotto: controlla tu stesso il sito web ufficiale dell’Evento 201.

Altre simulazioni di coronavirus

Forse a questo punto non vi stupirà sapere che il Robert Koch Institute tedesco, legato all’OMS, ha realizzato una simulazione simile nel 2012 e, come è avvenuto durante l’Evento 201, la simulazione prendeva in esame uno scenario in cui era coinvolto un coronavirus. Questa simulazione ha ipotizzato che in un mercato alimentare del sud-est asiatico un coronavirus si sarebbe diffuso dall’animale all’uomo. Che casualità, non credi? In questa simulazione, le autorità hanno impiegato diverse settimane per identificare il virus, permettendogli di diffondersi in tutto il mondo. Sono stati simulati tre anni consecutivi di pandemia in ​​cui sono avvenuti lockdown e l’economia è stata distrutta. È stato simulato l’impatto sulla società in tutti gli aspetti, persino le ciò che riguarda le proteste. Non voglio annoiarti con i dettagli, ma puoi trovare questa analisi sul sito Web del governo tedesco.

La conferenza alla Chatham House

L’ultima cosa di cui voglio parlare è una conferenza che il famoso virologo belga Mark van Ranst ha tenuto il 22 gennaio 2019 alla Chatham House, un’importante organizzazione no-profit di Londra. In questa occasione importanti leader mondiali si sono incontrati per discutere di questioni globali. I vincitori del Chatham House Prize sono stati Hillary Clinton, Melinda Gates e John Kerry. Durante l’evento van Ranst ha tenuto un intervento semplicemente scioccante. Ha infatti spiegato come abbia ingannato l’intera popolazione belga durante l’influenza suina attraverso allarmismi, finti tassi di mortalità e manipolazione dei media. Ha spiegato ridendo come sia riuscito a imporre il vaccino per l’influenza suina alla popolazione belga spaventata. Un vaccino prodotto dalle aziende farmaceutiche per cui ha lavorato.

L’intervento di Van Ranst

“Grazie mille, Ab. Grazie per l’invito. E mi è stato chiesto di raccontarvi le mie esperienze come responsabile della crisi, commissario dell’ ‘influenza per il Belgio e mettendo in evidenza la comunicazione. E poi hai un’opportunità per farlo bene. Voglio dire, il primo giorno è così importante. Nel primo giorno, inizi a comunicare con la stampa, con la gente e, uh, devi farlo bene. Voglio dire, devi scegliere una voce, un messaggio. In Belgio, hanno scelto di nominare un non politico per farlo. Non ho affiliazioni di partito, e questo rende le cose  un po’ più facili, almeno in quel momento, perché non sei non sei attaccato politicamente, da maggioranza e minoranza. Questo e’ stato un enorme vantaggio. Il secondo vantaggio è che puoi giocare a Bruxelles come un ragazzo completamente ingenuo e fare molto di più di quanto saresti altrimenti in grado di fare. Devi essere onnipresente quel primo giorno, o i primi giorni, in modo da attirare l’attenzione immediata. Fai un accordo con loro in cui dirai loro tutto, e risponderai al telefono se dovessero chiamare. Quando lo fai, puoi trarre profitto da questi primi giorni per ottenere una copertura completa del campo e non cercheranno voci alternative. Questo rende le cose molto più facili.”

L’intervento di Van Ranst: la strategia nel dettaglio

Continuando, Van Ranst ha dichiarato: “Le prime settimane, è una strada facile quando non hai opposizione e poi tutti hanno bisogno di notizie, puoi portare molte informazioni neutre, vengono raccolte e, beh, le notizie vengono riportate nel modo in cui le porti tu e puoi solo farlo nelle prime due settimane o mesi. E poi devi dire, ok, bene, avremo morti per H1N1. Certo, sarebbe inevitabile. Ho usato la citazione di Sir Donaldson in cui ha affermato che nel Regno Unito, al picco dell’epidemia, morirebbero 40 persone al giorno alla fine dell’estate. Quindi, a quel tempo, 62 milioni di persone nel Regno Unito, 40 morti al giorno. L’ho calcolato per il Belgio. Sarebbero quindi sette al giorno al culmine dell’epidemia. L’ho usato nei media. Sette al giorno, al culmine dell’epidemia sarebbe piu’ realistico. Questo è vero ogni anno. Anche in caso di pandemia, questo è molto molto comune. Tuttavia, parlare di incidenti mortali è importante perché quando lo dici, la gente dice: Wow, cosa intendi? La gente muore a causa dell’influenza? Questo era un passo necessario da compiere. E poi, ovviamente, un paio di giorni dopo, hai avuto il primo debito H1N1 nel paese, e la scena era pronta e gia’ se ne parlava.”

L’influenza suina e i vaccini

Van Ranst ha continuato l’intervento parlando dei vaccini per l’influenza suina e della scelta delle fasce della popolazione a cui dare la precedenza. “E poi dovevi scegliere chi sarebbe stato vaccinato per primo, e poi prima le donne e i bambini. Comunque, voglio dire che i gruppi a rischio erano importanti. Ho approfittato del fatto che le migliori squadre di calcio in Belgio vaccinate in modo inappropriato e contro tutti gli accordi hanno reso i loro calciatori persone prioritarie. Quindi ho detto, posso usarlo perché se la popolazione crede davvero che questo vaccino sia cosi’ bramato che anche questi calciatori sarebbero disonesti per farsi vaccinare, ho detto Ok, posso lavorarci su. Quindi ne ho fatto un gran dramma… Questo è van Ranst che sta dando di matto… Ma ha funzionato…” La Chatham House è anche finanziata da tutte le maggiori corporazioni delle élite, dalla Gates Foundation e dalla Open Society Foundations.

Chi controlla il mondo vuole il bene del pianeta?

Potremmo parlare per ore del coronavirus, che ha un tasso di sopravvivenza del 99,98%, e delle misure incomprensibili che stanno distruggendo la nostra società. Milioni di imprenditori hanno perso il loro reddito. Innumerevoli anziani sono morti in solitudine, isolati dalle loro famiglie, ma penso che abbiamo esaminato abbastanza fatti che mettono le misure globali contro il Covid in un contesto più ampio, visto dal punto di vista dell’élite. Questa élite estremamente ricca, che collettivamente conta decine di migliaia di miliardi, non ha alcun problema con il fatto che più del 40% della popolazione mondiale deve vivere con meno di cinque dollari e mezzo al giorno, o che milioni di bambini muoiono per l’acqua potabile contaminata da loro, o per la malnutrizione, o per i loro proiettili e bombe. Vogliono solo diventare più potenti. Chi controlla il mondo non ha assolutamente intenzione di condividere il proprio bene con noi. In effetti, sono onesti riguardo ai loro piani per prendere anche l’ultimo pezzo da noi, e questi piani vengono attuati mentre sto scrivendo. I motivi alla base dell’élite non verranno spiegati in questo articolo, perché per questo dobbiamo tuffarci nella storia e discutere argomenti che vanno al di là del nostro pensiero moderno e razionale. Ma per ora puoi capire abbastanza bene con la semplice logica che un nuovo ordine mondiale, o un unico governo mondiale è l’unico modo per una piccola élite di mantenere il suo potere su una popolazione mondiale in continua crescita. Aziende come BlackRock e Vanguard non beneficiano dei confini nazionali, delle tasse di importazione e della reale diversità.

Chi controlla il mondo: paura e manipolazione

Solo attraverso la paura e la manipolazione dei media possono mantenere la presa su tutti noi, e volutamente non ho nemmeno menzionato i metodi disumani di ricatto con cui chi controlla il mondo tiene in riga i propri scagnozzi più importanti. L’élite non ha intenzione di curarci dalle innumerevoli malattie che abbiamo contratto dal cibo tossico che hanno prodotto. E dall’inquinamento ambientale che hanno causato. Dopotutto, se non ci ammalassimo, l’intera industria farmaceutica crollerebbe. “Niente si vende come la paura” è il motto dei migliori virologi come Mark van Ranst. Rimarrai stupito, come lo ero io, quando scoprirai che siamo stati avvertiti innumerevoli volte da chi controlla il mondo. Con questo articolo spero di “raggiungervi” per ridurre la distanza che ci separa. Solo quando siamo divisi l’élite può mantenere il suo potere su di noi.

Una nuova società senza proprietà privata

La loro più grande paura è che ci renderemo conto di ciò che sta realmente accadendo sulla Terra. E l’unico modo in cui l’élite pensa di impedire che ciò accada è attraverso la censura, che impedisce il contatto umano, l’incessante inquadramento degli oppositori politici e di coloro che la pensano diversamente, e l’uso della forza bruta. I piani dell’élite sono chiari, così come il modo spietato con cui vogliono realizzarli. Se permettiamo che ciò accada, una nuova società sarà costruita sulle ceneri di ciò che una volta eravamo. Una nuova società in cui non possederemo nulla, nemmeno una casa nostra. Chi controlla il mondo vuole assicurarsi che da qui al 2030, tutto ciò che possiedi sarà loro. Per questo è necessaria una crisi economica devastante. In primo luogo, viene attaccata la classe media, che è la spina dorsale della società.  Dopodiché, le cose si muoveranno rapidamente. Le banche cadranno, il denaro contante cesserà di esistere e l’unico modo per non morire di fame sarà l’accettazione del sostegno del governo, che includerà diverse condizioni come il passaporto per la vaccinazione e la rinuncia alla proprietà privata. Poiché gli imprenditori saranno i primi a cadere, molti altri non sentiranno subito la crisi. Le persone resteranno divise finché non sarà troppo tardi per unirsi. Questo non è uno scenario apocalittico che mi sono inventato. Questo è semplicemente il Grande Reset, il Nuovo Ordine Mondiale. E’ stato preparato molte generazioni fa ed è stato ampiamente testato in ogni dittatura comunista del mondo.

Il Grande Risveglio

Ma questo può anche andare in una direzione diversa, e invece di un Grande Reset, possiamo causare un Grande Risveglio e creare un mondo dove nessuno deve soffrire la fame e dove possiamo vivere in modo sostenibile e in libertà gli uni con gli altri e con la natura. Questo non è un sogno ad occhi aperti, è molto più concreto di quello che pensi. Ci sono sempre state forze che hanno cercato di spezzare il potere dell’élite, ma fino a poco tempo fa i nostri mezzi di comunicazione erano insufficienti per mettere in moto le masse in tutto il mondo. L’élite ci ha sempre tenuto all’oscuro delle scoperte di geni come Tesla, che era molto avanti nel campo dell’energia pulita e gratuita. O il dottor Rife, che ha usato le onde radio per curare almeno 16 malati terminali di cancro prima di morire in modo sospetto, proprio come Tesla. O Henry Ford che nel 1941 aveva già realizzato un’auto in bioplastica che si dimostrava più resistente dell’acciaio. L’élite ci ha nascosto innumerevoli tecniche di questo tipo perché costituiscono una minaccia per i loro monopoli in ogni settore. Queste erano tecnologie che ci avrebbero dato libertà e avrebbero messo a rischio il potere di chi controlla il mondo, che si basa sulla nostra paura e dipendenza dai loro prodotti.

Un mondo di nuove possibilità

Queste non sono teorie del complotto ma fatti. Quello che sto dicendo è che si sta aprendo un mondo di nuove possibilità per tutti noi dove non c’è povertà, inquinamento, malattie o guerre, e in cui i governi lavorano per il benessere delle persone piuttosto che il contrario. Saranno curati innumerevoli disturbi che forniscono all’industria farmaceutica centinaia di miliardi di dollari. Nessuno dovrà farsi il culo per vivere una vita dignitosa. La gente non vivrà più nella paura a causa delle bugie dei media, dell’industria farmaceutica, delle lobby del clima e dei politici. È tutto all’orizzonte, ma prima dobbiamo attraversare la tempesta e riconoscere qual è il vero problema nella nostra società.

In conclusione

Voglio ringraziarvi per aver letto questo articolo dedicato a chi controlla il mondo. Spero che un giorno, in libertà, rifletteremo insieme su questo momento unico nella storia. C’è ancora tanto da dire, ma il resto lo terremo da parte per dopo. Questo articolo era solo un’introduzione. È qui che inizia il nostro viaggio e, pur essendo difficile, lo intraprenderemo insieme e ci aiuteremo a rialzarci quando cadremo. Non avremo paura. Siamo il 99%. Potrebbe interessarti anche Nuovo Ordine Mondiale e Grande Reset sono la stessa cosa?


AIUTACI A RAGGIUNGERE PIU' PERSONE POSSIBILI. Creare l'informazione libera ha un costo ed abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti. Potrai ACCEDERE SUBITO A 4280 VIDEO ESCLUSIVI ed i corsi sull’oro, criptovalute e la creazione della comunità grazie a 5 giorni di prova GRATUITA. CLICCA QUI ADESSO


ARTICOLI CORRELATI

La misteriosa scomparsa di Michael Rockefeller: Da milionario a cannibale in Papua Nuova Guinea

Numero 6

2 anni e mezzo dopo: le 8 fasi del nuovo ordine mondiale

Morris San

Il cambiamento climatico farà scomparire l’acqua nei prossimi anni

Numero 6

Contenuto Forte: i bambini Bacha Bazi, bottino per i talebani

Morris San

Il manuale del Covidiota: Nicola Nicoletti

Morris San

Matteo Gracis racconta il dietro le quinte del parlamento

Morris San

82 comments

Andrea Nicoly 11/08/2022 at 22:10

Questa volta per poter cambiare il mondo NOI (popolo) dovremmo fare qualcosa di veramente DRASTICO !

Peccati del mondo 23/05/2022 at 21:40

La Madonna di Fatima ha incaricato Giorgio Bongiovanni di “indicare” l’anticristo, di rivelare i figli di Dio extraterrestri provenienti da vari lidi dell’ universo non enunciati dalla Chiesa Cattolica nel terzo segreto ufficiale. Infine il messaggio più importante, annunciare il ritorno in potenza e gloria di Krishna, Vishnu, Cristo e tutti gli angeli ed i Santi che sono amati da 1000000000000…. e ancora miliardi di fan.

Satana che vuole schiacciare il volto degli umani. Io e noi non possiamo sconfiggerlo. Ma colui che è e coloro che sono, con l’energia di 1000000000000…. 00000 di fans, lo stracceranno e lo umilieranno come lui ci ha schiavizzati e schiacciati come uno stivale che calpesta un volto umano. Armageddon, apocalisse Salvatevi anime

Duilio Granatieri 13/04/2022 at 00:27

Il video dice che queste informazioni sono un’apperitivo. Ma la cosa interessante sapere i precedenti storici che affondano forse al medioevo con la peste ..guarda caso che ha fatto finire l’ordine medievale retto sulla chiesa . Anche la peste veniva dall’oriente

Duilio Granatieri 13/04/2022 at 00:23

non solo è interessante . Sapevo della cupola formata da queste società. Vaguard , black rock , e l’altra che ora mi sfugge il nome queste sono DIO. Nel senso che una ha uomini nel consiglio di amministrazione dell’altra e sono una e allo stesso tempo tre…vi dice qualcosa la situazione? Si questo video lo condivido sul Facebook. Ma anche andrebbe poi fatto vedere in privato. Infatti su fb di sono filtri per cui certi video non vengono fatti vedere anche se li pubblichi. Complimentoni per questo lavoro. Il finale mi piace molto con Morris che indica una via . Una modalità edificante ..non è che dà alternative e false speranze , ma almeno qui sento un tono differente. Di solito dai TG si esce con il morale infranto.

la zak 12/04/2022 at 01:48

molto interessante

KODICE 05/04/2022 at 23:15

Bellissimo il video gia” condiviso!!!! complimenti. Per chi ci vuole provare si unisca ad associazione governo del popolo 23 maggio https://associazionegovernodelpopoloaps.forumfree.it/?f=65041767

Andrea Nicoly 11/08/2022 at 22:05

Anche se fossero i più puliti dell’Italia dentro al parlamento saranno il nulla. Purtroppo l’unica cosa drastica da fare andare a Roma in 1 barra 2 Milioni di persone a Roma il 25 Settembre e nel resto D’Italia non dovrebbero votare NESSUNO! Poi continuare non pagare più le tasse, non bisognerebbe più prendere auto, moto, scooter… quindi non consumare più benzina, diesel, gas… ecc. Non acquistare più i giornali (controllati), non vedere le televisioni che predica il falso, non usare più i social media (anche loro sono controllati). Non andare più a lavorare ! Anarchia assoluta ! Forse così cambierà qualcosa 😉

Pietro Agnetti 02/04/2022 at 22:09

Bravi un bel lavoro.Grazie

Numero 6 04/04/2022 at 11:18

Ciao Pietro! Sei molto gentile, grazie!

DANIELA CALVI 10/04/2022 at 17:20

Che dire un lavoro straordinario che ho condiviso. Anche io ho lavorato per “loro” per parecchi anni quando mi sono resa conto di tante cose me ne sono andata.

Natasha 02/04/2022 at 17:53

Bellissimo..gia’ mandato a tutti

Numero 6 04/04/2022 at 11:18

Ciao Natasha, perfetto!

Nasruddin De Sanctis 02/04/2022 at 16:20

Grazie!!!

Roberta Zamai 02/04/2022 at 15:11

Documentario strepitoso, complimenti team numero 6 e complimenti a te Morris davvero ❤️❤️💓 alla fine mi hai fatto emozionare 🥰😘❤️

Numero 6 04/04/2022 at 11:19

Ciao Roberta! Grazie!

1 3 4 5

Scrivi un commento

Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info