Numero6.org
La rete 5G: Cosa si nasconde dietro questa nuova tecnologia? 47
Sicurezza e Privacy Approfondimenti Robotica e IA

La rete 5G: Cosa si nasconde dietro questa nuova tecnologia?

N
egli ultimi due anni sono partiti i lavori per installare numerose antenne in tutto il mondo per poter accelerare l’adozione di questo nuovo sistema che, a come promettono, potrebbe portare ad una nuova concezione dell’era digitale, facilitando il traffico dati che giorno dopo giorno è sempre più opprimente e stringente. Sarà l’avvicinarsi della società Orwelliana? 

Analizziamo insieme in cosa consiste il 5G e quali sono le critiche che gli sono mosse

1.Perché il 5G?

La quinta generazione della tecnologia per cellulari, 5G è ormai alle porte. Quest’ultimo permette un flusso di dati da 10 a 100 volte più veloce dell’attuale 4G. 

Non solo, dicono, avremo modo di avere download ad una velocità di gigabit al secondo (pratico per scaricare film in pochi minuti), ma anche di connettere più elementi insieme, generando quello che ormai da tempo viene definito come “internet delle cose”. 

La prima domanda sorge spontanea, e voi come vi sentite? Vi sentite sicuri in questo bombardamento che avviene sotto i nostri occhi? O preferite un film che si scarica un pochi minuti?

Electromagnetic Spectrum

2. Come funziona il 5G: qui sorgono i problemi

La rete prescelta per poter accedere, senza uso di cavi, ad internet è stata fino ad adesso risalente allo spettro delle frequenze radio. 

Con l’introduzione del 5G, invece, come si può vedere nell’immagine, si entra nella parte finale dello spettro delle frequenze radio, entrando addirittura nelle microonde.

Come mai questa necessità? Perchè il traffico che si genera ogni giorno è talmente tanto massimo che si ha bisogno di una infrastruttura migliore capace di gestire meglio questa mole di dati creata. Per farlo si ha bisogno di onde che viaggiano ad una frequenza più veloce: dai 30 ai 300 gigahertz.

Dove’è il problema? In realtà ci sono tre problemi principali:

Il primo riguarda la natura stessa di queste onde che, viaggiando ad una frequenza maggiore, hanno meno “getto”, arrivando meno lontano. Dunque, è necessario, secondo i sostenitori, riempire la nostra Terra di barriere architettoniche e stazioni di ripetizione per riflettere queste onde da una parte all’altra

5g STATION EXAMPLE

Il secondo problema, è strettamente legato al primo: ci sono studi scientifici che riportano un incremento della probabilità di avere tumori al cervello, pelle se sottoposti a questo tipo di onde. Inoltre, è stato anche visto come, essere continuamente sottoposti a queste onde possa provocare mal di testa cronici ed indebolire l’intero organismo. 

Ops, per caso vi ricorda qualcosa? E’ una coincidenza che una pandemia stia dilagando giorno dopo giorno al crescere delle stazioni installate nelle città? 

“Il 5G è una tecnologia emergente che non è ancora stata definita, ulteriori studi ed analisi sono necessari per avere sicurezze che al momento non ci sono”
-Michael Wyde, toxicologist-

Il terzo problema concerne ovviamente la mole di dati che, segretamente ci viene rubata, privandoci delle nostre esistenze reali e facendoci diventare dei semplici burattini, facilmente manipolabili e gestibili, ed in cambio di cosa? Di un film da scaricare in pochi minuti.

Data stolen

A voi le conclusioni, ma prima guardate i video in basso, dove ci sono alcune riflessioni ed analisi che meritano di essere approfondite e che vi aiuteranno a comprendere ancora meglio cosa sta accadendo attorno a noi. 

E tu cosa scegli? Scaricare un film in pochi minuti e cedere la tua privacy oppure avere coscienza di cosa sta accadendo e prendere le giuste decisioni? 

 

RIFLETTI.
  • Ho la pelle d’oca a leggere tutto questo ! E’ da birividi . . . siamo così dipendenti da qualcosa che al tempo stesso ci danneggia: come un cane che si morde la coda . . . incredibile.
    Ho anche sentito che molti piccioni sono morti nelle vicinanze di questi diabolici pali ! Dobbiamo bloccarli!!!!!!!!
    Grazie per quello che fai Morris, sei la nostra speranza

  • Ciao Morris,
    Potresti fare la puntata su Robert David Steel?
    Ieri altro è uscita intervista nella Teheran Times intitolata:
    Radio frequency Research : Does Funding Matter
    Grazie.

    Ammiro il tuo impegno e la tenacia nella divulgazione delle informazioni – quelle vere, che non vengono riportate dai soliti canali.
    Anna

  • Ho la pelle d’oca a leggere tutto questo ! E’ da birividi . . . siamo così dipendenti da qualcosa che al tempo stesso ci danneggia: come un cane che si morde la coda . . . incredibile.
    Ho anche sentito che molti piccioni sono morti nelle vicinanze di questi diabolici pali ! Dobbiamo bloccarli!!!!!!!!
    Grazie per quello che fai Morris, sei la nostra speranza

  • Ciao Morris,
    Potresti fare la puntata su Robert David Steel?
    Ieri altro è uscita intervista nella Teheran Times intitolata:
    Radio frequency Research : Does Funding Matter
    Grazie.

    Ammiro il tuo impegno e la tenacia nella divulgazione delle informazioni – quelle vere, che non vengono riportate dai soliti canali.
    Anna

  • Questo sito web utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza. Se hai dubbi o domande riguardo la nostra privacy & cookies policy, visita la seguente pagina. Accetta Leggi più info

    >